Dove trovo il modulo per la vaccinazione? E cosa devo fare il giorno dell'appuntamento? Ecco tutto quello che c'è da sapere prima di recarsi nei centri vaccinali

Persone in fila per il vaccino al Porto vecchio di Trieste (Silvano)

TRIESTE Lunghe code di gente in attesa del vaccino. Si vedono in quasi tutti i centri vaccinali allestiti in Friuli Venezia Giulia. In alcuni punti, nell’arco di una giornata, la macchina accumula anche più di due ore di ritardo.

Il motivo è presto detto: molte persone arrivano senza aver compilato il consenso informato e quindi devono impiegare almeno una decina di minuti per riempire le caselle nelle quattro pagine del modulo.

Ecco cosa bisogna fare prima di recarsi nei centri vaccinali di Trieste e Gorizia per evitare di trovarsi in coda e di favorire possibili assembramenti.

Covid, uno studio fissa la data per il "ritorno alla normalità": ma attenzione a vaccini e varianti

Se ho prenotato per le 15 a che ora devo presentarmi all’appuntamento?

È sufficiente presentarsi all’orario definito nel promemoria e non con largo anticipo come si è verificato nelle prime giornate della fase vaccinale.

Qualcuno arriva prima perché teme di non trovare le dosi?

In base alla programmazione giornaliera, le dosi sono in numero sufficiente per tutta la popolazione per cui qualsiasi preoccupazione da parte dell’utenza risulta ingiustificata.

All’appuntamento devo presentarmi con il consenso informato già compilato?

Sì è importante farlo, in questo modo si evitano le attese per riuscire a compilare il modello.

Se ho perso i moduli dove li trovo?

Si possono ritirare nelle Aziende sanitarie, nelle farmacie e in rete. Sono scaricabili dal sito di ogni azienda sanitaria. Qui il link

Perché è così importante arrivare con i moduli compilati?

È importante presentarsi all’appuntamento con la modulistica già compilata al fine di consentire uno svolgimento delle operazioni rapido ed organizzato.

Quali dati vengono richiesti per il consenso informato?

Prima di tutto vanno indicati i dati anagrafici e poi le notizie sanitarie sul proprio stato di salute. È importante rispondere alle domande riportate a pagina tre facendo attenzione a non sbagliare. Alcune patologie rendono inidoneo il vaccino.

A chi si consegna il consenso informato?

Nei centri vaccinali le persone che devono ricevere il vaccino vengono chiamate una alla volta, prima di raggiungere la postazione, il consenso informato va consegnato all’operatore di turno.

Se ho avuto il Covid cosa devo fare?

Rispondere alle domande riportate a pagina quattro, specifiche sul decorso del Covid-19.

Chi ha avuto il Covid deve vaccinarsi?

Proprio perché, al momento, non è ancora noto per quanto tempo la persona che ha avuto la patologia conserva gli anticorpi naturali, è preferibile vaccinarsi.

Dalla guarigione dopo quanto tempo è consigliato vaccinarsi contro il Sars-CoV2?

Il Ministero della salute e l’Istituto superiore di sanità raccomandano di fare un’unica dose nel periodo che va da tre a sei mesi dopo la negativizzazione: la seconda dose è sconsigliata. La Regione invece ha scelto di rivaccinare con ciclo completo gli operatori socio sanitari e chi assiste i disabili anche a domicilio.

Il passaporto vaccinale: come funziona, cosa ci permette di fare

Come faccio a fissare l’appuntamento per la vaccinazione?

Basta contattare telefonicamente una farmacia, il centro unico di prenotazione e il call-center attraverso il quale si prenotano tutti gli esami clinici.

Si segue la stessa procedura anche per richiedere la vaccinazione a domicilio riservata ai pazienti fragili?

Si, la procedura è la stessa solo che al momento della prenotazione non viene comunicata una data, le persone vengono contattate successivamente dal personale del Distretto sanitario.

In questo momento chi può ricevere il vaccino?

Sono in corso le vaccinazioni degli ultra ottantenni, sono anche aperte le agende per le prenotazioni dei pazienti vulnerabili e delle persone tra 75 e 79 anni.

Gli ultra settantenni quando potranno prenotare la vaccinazione?

Entro la settimana la Regione comunicherà quando sarà possibile iniziare a fissare gli appuntamento per la vaccinazione delle persone tra 70 e 74 anni.

Da che cosa dipende l’apertura delle agende?

Dalla disponibilità delle dosi di vaccino. Prima di aprire a nuove fasce d’età, gli addetti alla vaccinazione devono accertarsi di aver ricevuto le dosi visto che le consegne continuano a slittare.

Chi non può ricevere AstraZeneca perché soffre di patologie non ammesse dal vaccino, cosa deve fare?

Segnalarlo e prenotare la somministrazione riservata alle persone vulnerabili.

Può farlo in qualsiasi momento?

Prima di prenotare è opportuno contattare il medico di base per verificare se il codice di esenzione è tra quelli indicati nella lista dei vulnerabili.

E se non c’è?

Bisogna attendere l’aggiornamento della lista.

Una persona vaccinata deve continuare a rispettare le misure di prevenzione?

Una persona vaccinata con una o due dosi deve continuare a osservare le misure di prevenzione: il distanziamento fisico, l’uso della mascherina e l’igiene delle mani.

Il vaccino è efficace contro le varianti?

Tutti i virus mutano per adattarsi al loro tornaconto personale. Ora le varianti inglese, sudafricana e brasiliana che sembrano essere coperte dai vaccini. —

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi