Contenuto riservato agli abbonati

Slovenia: controlli rafforzati ai confini maggiori, chiusi i valichi minori: ecco come è possibile transitare

Come si presenta da questa mattina il valico di Rabuiese - Lipizza. Foto di Andrea Lasorte

Il divieto di uscire dal Paese non è valido per i lavoratori transfrontalieri

LUBIANA La Slovenia si chiude a riccio. Da oggi, lunedì 29 marzo, è praticamente impossibile per i suoi cittadini uscire dai confini nazionali in quanto le nuove norme varate dal governo guidato dal premier Janez Janša prevedono il divieto di espatrio in Paesi in zona rossa e Italia, Austria, Ungheria e Croazia lo sono.

Divieto che non è valido però per i transfrontalieri in questo caso solo i lavoratori in quanto scuole e università in Slovenia dall’1 all’11 aprile saranno chiuse. Serve ovviamente il tampone settimanale come era del resto già in vigore. Per chi si reca in Slovenia però il transito dovrà essere effettuato solo dai confini di prima categoria ossia Sant'Andrea-Vrtojba, Fernetti-Fernetiči e Rabuiese-Škofije. Gli altri valichi sono chiusi da oggi.



A Rabuiese questa mattina sulla carreggiata autostradale in uscita dalla Slovenia e poco prima dell'ingresso in Italia è stata creato un restringimento per consentire alla polizia slovena di effettuare il controllo in sicurezza.

Inoltre, ai valichi minori, da Lazzaretto a Plavie, sono sono stati posizionati dei blocchi, consistenti in segnaletica mobile montata al centro della carreggiata, per impedire il transito veicolare. Dunque Slovenia quasi off-limits.



Sempre da oggi per entrare in Slovenia si dovrà esibire al confine un esito negativo di un tampone molecolare non più vecchio di 48 ore ed eseguito in uno Stato membro dell'Ue o dell'area Schengen.

Come ha spiegato il ministro degli Interni Aleš Hojs, la misura è stata decisa perché hanno notato un aumento del numero di test contraffatti, principalmente dalla Macedonia del Nord e dalla Bosnia-Erzegovina.

L'ingresso sarà possibile anche presentando un certificato di vaccinazione contro il Covid-19, con almeno 7 giorni dal ricevimento della seconda dose di BioNTech e Pfizer e almeno 14 giorni dal ricevimento di Moderna. Tuttavia, nel caso di AstraZeneca, devono trascorrere almeno 21 giorni dalla prima dose. Si può attraversare la Slovenia entro 6 ore se si può accedere al Paese successivo senza problemi. —

(Ha collaborato Luigi Putignano)

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Video del giorno

Nicola Tanturli ritrovato vivo, il giornalista che ha dato l'allarme: "Sentivo chiamare mamma"

Estratto di mela, sedano, cetriolo e lime

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi