Contenuto riservato agli abbonati

A Gradisca una coltre di ghiaccio artificiale salva i fiori dal freddo nella notte

Le aziende agricole ricorrono al gelicidio per difendere i boccioli delle piante da frutto 

GRADISCA Paesaggi fiabeschi, che si rinnovano ormai tradizionalmente in questo periodo dell’anno. Veri e propri “cappotti” di ghiaccio che proteggono i boccioli dal dei frutteti isontini dal gelo. Quasi a proteggere i miracoli della natura dalle rigide temperature di queste notti, e consentire alle piante di continuare nel proprio ciclo vitale. È il cosiddetto “gelicidio artificiale”. Sono sempre più i coltivatori di Destra e Sinistra Isonzo che ricorrono a questa tecnica tanto inquietante nel nome quanto preziosa nei risultati.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Giornata della memoria a Trieste, il sindaco invita Arcigay alla cerimonia in Risiera

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi