Duino Aurisina, bilancio verso il voto: «Tariffe invariate e più servizi»

Il palazzo municipale di Duino Aurisina

Pallotta anticipa le linee guida in vista dell’esame del Consiglio: centri estivi diffusi e opere urbane tra le priorità. E si punta su agevolazioni fiscali e aiuti alle imprese

DUINO AURISINA. «Tariffe invariate e più servizi».

Sono le linee-guida e gli obiettivi indicati dal sindaco Daniela Pallotta in base ai quali si articolerà il bilancio di previsione del Comune di Duino Aurisina, di cui si discuterà nella prossima seduta del Consiglio comunale, entro la fine di marzo.

«L’anno molto difficile che abbiamo appena vissuto, le criticità già affrontate e le previsioni non certo confortanti per questo 2021 - spiega Pallotta - hanno inevitabilmente avuto e continuano ad avere ripercussioni sulle casse pubbliche. Ciononostante - continua la prima cittadina - affronteremo la sfida che ci si pone davanti e che vogliamo affrontare rilanciando in particolare i fronti più vicini alle esigenze dei cittadini. L’assunto di base, sul quale si stanno confrontando le componenti della maggioranza, è che non ci dovranno essere aumenti per i cittadini. Anche a fronte di minori entrate non solo le tariffe comunali non subiranno variazioni, ma ad aumentare saranno invece i servizi, in particolare sul piano sociale e su quello economico».


«Ci stiamo concentrando - evidenzia ancora il sindaco - sul supporto psicologico per gli anziani, i giovani e i soggetti deboli colpiti dall’emergenza pandemica, sui centri estivi diffusi, su iniziative di aiuto alle aziende del territorio, perché è dal tessuto economico che dipenderà la ripartenza. A questo proposito, stiamo lavorando su una nuova linea di contributo per le aziende che possa seguire quella già deliberata nello scorso maggio, che prevedeva un contributo a fondo perduto per le attività produttive del nostro territorio. Stiamo approfondendo anche l’eventualità di agevolazioni sulla Tari e sulla tassa di occupazione del suolo pubblico. Abbiamo previsto infine di replicare quanto già fatto durante lo scorso anno, con lo slittamento dell’imposta di soggiorno».

«Tutto questo potrà avvenire - ribadisce Pallotta - perché oggi, finalmente, possiamo contare su un bilancio sano, da cui potrà nascere dunque un prospetto finanziario non solo tecnico, ma anche politico. In quest’ultimo anno e mezzo di mandato vogliamo dare un forte impulso alle opere pubbliche e all’arredo urbano, con interventi che saranno inseriti in un piano straordinario e che seguiranno importanti lavori eseguiti ai fini della stessa sicurezza urbana, che andavano completati con urgenza e che abbiamo realizzato, come ad esempio le barriere autostradali, l’eliminazione dei Tir dai centri abitati e le rotatorie sulle strade».

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi