Futura: «Trasformiamo le vecchie circoscrizioni in centri d’ascolto»

Assieme ad alcune proposte per le circoscrizioni, Futura ieri ha presentato una nuova attivista, la psicologa Francesca Borgheggiano. I civici vorrebbero valorizzare maggiormente i parlamentini rionali, istituendo in ciascuno di essi un vero e proprio centro di ascolto con diverse funzionalità.

«Le esigenze espresse in questo modo dai territori poi sarebbero raccolte dalla politica e presentate agli assessorati competenti – ha specificato Rina Anna Rusconi –. Non solo punti di ascolto ma anche centri rionali, dove giocare a carte e ritrovarsi senza dover per forza ricorrere al bar, anche alla luce del deserto che si è creato nell’ultimo anno». Per Borgheggiano «adolescenti e anziani sono le categorie che in questo momento hanno più bisogno di socialità. I punti di ascolto attivo potrebbero essere dei punti di riferimento pure per loro». Sabrina Iogna Prat ha sottolineato che l’idea «non vuole essere in contrasto con i servizi Asugi ma un’integrazione». Erano presenti anche il coordinatore provinciale Michele Sacellini e il candidato sindaco Franco Bandelli, il quale ha affermato: «Ero convinto che le circoscrizioni si sarebbero rivelate un esperimento temporaneo ma alla luce delle proposte delle colleghe mi devo ricredere». —


L.G.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

"Perché li hanno lasciati andare?". Lo sfogo della sorella di Erica dispersa sulla Marmolada

Insalata di quinoa con ceci, fagiolini, cetrioli, more e noci con salsa al cocco e curry

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi