Contenuto riservato agli abbonati

Dall’inferno di Lesbo al calore di Trieste: il viaggio della speranza del piccolo Amir

L’arrivo di Reziah e del figlio di 11 anni Amir nella casa d’accoglienza della Fondazione Luchetta a Trieste

Il bimbo iraniano, affetto da una malattia rara, grazie a Comunità di Sant’Egidio e Fondazione Luchetta curato in Italia 

TRIESTE Questa è la storia a lieto fine di un bambino afghano di 11 anni, affetto da una malattia rara, che dopo mille peripezie si trova oggi al sicuro a Trieste, accolto dalla Fondazione Luchetta Ota D’angelo Hrovatin.

Amir - questo il nome del ragazzino - era stato avvicinato per caso un anno fa da una troupe del Tg3 nazionale nel campo profughi greco di Lesbo.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Trieste, entrano i primi camion al Porto

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi