Contenuto riservato agli abbonati

Anziani risultati positivi dopo le due dosi Pfizer: Muggia diventa un caso-studio

La casa di riposo di Muggia

Diciannove ospiti della residenza comunale contagiati a pochi giorni dalla seconda inoculazione. Lunedì il via ad esami e test specifici per approfondire il fenomeno, finora unico nel territorio. I pazienti sono comunque in buone condizioni e non manifestano i sintomi tipici della malattia  

MUGGIA È stata Covid free per un anno. Credeva di essersi lasciata alle spalle la fase più critica della pandemia, tanto più dopo l’avvio della campagna vaccinale. E invece per la casa di riposo comunale di Muggia è arrivata la doccia fredda: un terzo degli ospiti, per la precisione 19 su 56, è risultato positivo al coronavirus. Non solo. A colpire ancora di più il personale e i familiari è il fatto che tutte le persone contagiate erano state vaccinate e avevano ricevuto sia la prima che la seconda dose di Pfizer-BioNTech.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Trieste il giorno dopo la guerriglia: la polizia presidia il porto di Trieste

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi