Contenuto riservato agli abbonati

La reazione di albergatori e ristoratori: adesso temono di perdere anche la Pasqua

La voce delle categorie: tra i titolari di hotel e locali dilaga lo sconforto. Si temono cali di introiti fino al 70 %  

TRIESTE A delineare il quadro più fosco sono, inevitabilmente, gli albergatori. Anche tra chi ha evitato la zona arancione prevale l’ansia per l’immediato futuro. «Già prima il turismo nella nostra città era praticamente azzerato e queste ulteriori restrizioni, pur non toccando direttamente il territorio di Trieste, peggioreranno ancora la situazione e rappresentano una mazzata tremenda dal punto di vista psicologico – sottolinea Guerrino Lanci, presidente della Federalberghi giuliana –.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Otranto, nel relitto in fondo al mare reperti del VII secolo a. C.: "Svelati gli albori del commercio nella Magna Grecia"

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi