Contenuto riservato agli abbonati

In Slovenia torna l’ipotesi del certificato al confine

Il confine di Rabuiese

LUBIANA Si prospetta un inasprimento dei controlli confinari in Slovenia e si va verso il probabile ritorno del tampone settimanale obbligatorio anche per i transfrontalieri. È questo lo scenario che è stato anticipato ieri dal ministro sloveno degli Interni, Ales Hojs, durante un intervento al Parlamento di Lubiana. Secondo quanto annunciato da Hojs, il governo sloveno potrebbe discutere a breve l’ipotesi di reintrodurre i «punti di controllo» alla frontiera e soprattutto dare luce verde alla reintroduzione dell’obbligo del test negativo per i transfrontalieri, sia lavoratori sia studenti, che «probabilmente dovranno fare il tampone almeno una volta a settimana».

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Giornata della memoria a Trieste, il sindaco invita Arcigay alla cerimonia in Risiera

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi