Ambiente e fondi europei priorità di Progetto Fvg



Un forte assessorato dedicato all’ambiente, collegato alle tematiche economiche e alle politiche europee per Trieste e Muggia, che sovraintenda direttamente le fasi di preparazione, gestione e rendicontazione dei progetti, anche con un coinvolgimento più ampio dei comuni limitrofi: è quanto chiesto, ieri mattina, da Progetto Fvg, durante l’incontro con la stampa al quale hanno partecipato il coordinatore provinciale Giorgio Cecco, la consigliera della Settima circoscrizione Alice Tessarolo e i referenti per Muggia Romina Pala e Giampaolo Samsa. »Anche in considerazione dei cambiamenti in atto - ha spiegato infatti Cecco - proponiamo che per le prossime giunte di Trieste e Muggia ci sia un forte assessorato all’ambiente collegato alle tematiche economiche e alle politiche europee». A Muggia, tra l’altro, come riferito da Pala e Samsa, «non esiste un ufficio che si occupi di intercettare fondi europei specifici».


Quello triestino, ha incalzato Cecco, è un territorio in cui «ci sono progetti importanti avviati o da avviare e attività da sostenere ed incrementare, come quelle portuali e quelle legate al turismo, alla riqualificazione di aree strategiche come il Porto vecchio e in generale alla rivisitazione del tessuto urbano, della viabilità e delle aree verdi, che hanno bisogno di strategie integrate e risorse adeguate».

Un diverso approccio a livello di governance locale, insomma, che passa attraverso l’istituzione un forte assessorato, «essenziale - ha sottolineato Tessarolo - per rendere operativa la visione di sviluppo delle linee guida sul clima dettate dell’Ue sia per l’implementazione dell’Agenda 2030 sia per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050». Focus infine sull’ovovia per Opicina - «non prioritaria» per Cecco - e sul Parco del mare, «che diventi - la richiesta di Tessarolo - non solo un attrattore turistico ma anche una sorta di centro di ricerca sulla tutela del mare, in connessione con l’Università e l’Ogs».—



Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi