Contenuto riservato agli abbonati

Da Trieste a Gorizia, la scuola fino al 30 giugno non piace ai ragazzi, ai presidi e alle famiglie

Al momento è solo un’ipotesi, tutta ancora da dettagliare. Eppure la proposta avanzata dal presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi, prolungare le lezioni di questo difficile anno scolastico per tutto il mese di giugno, ha già iniziato ad agitare il mondo della scuola in Friuli Venezia Giulia. Siamo andati a sentire le loro voci (Testi di Micol Brusaferro, speciale web di Elisa Lenarduzzi)

TRIESTE Al momento è solo un’ipotesi, tutta ancora da dettagliare. Eppure la proposta avanzata dal presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi, prolungare le lezioni di questo difficile anno scolastico per tutto il mese di giugno, ha già iniziato ad agitare il mondo della scuola in Friuli Venezia Giulia.

Se la numero dell’Ufficio scolastico regionale Daniela Beltrame preferisce non entrare nel merito dell’iniziativa - non ancora, almeno -, l’assessore regionale all’Istruzione Alessia Rosolen si dice aperta alla riflessione sul tema.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori