Contenuto riservato agli abbonati

Il Comune di Trieste apre a 72 assunzioni: ecco quali sono le figure richieste

Arrivata in giunta la delibera sul fabbisogno di personale Lobianco:«Sei posti in più a livello tecnico amministrativo». A breve la pubblicazione dei concorsi

TRIESTE Nel corso di quest’anno il Comune, stretto nella morsa dei pensionamenti e delle esigenze operative dettate soprattutto dal programma di opere pubbliche, rafforzerà il suo organico con 72 assunzioni, 6 delle quali dirigenziali. La delibera, che aggiorna il fabbisogno di personale, è stata portata all’attenzione della giunta dall’assessore Michele Lobianco.

Il quadro, rispetto a quanto già si sapeva, presenta una significativa novità, perché - sottolinea il titolare del Personale - vengono banditi 18 posti da istruttore tecnico-manutentivo, sei in più rispetto alla prima previsione. Si tratta di geometri, periti, ecc. di cui gli uffici hanno forte occorrenza, infatti i concorsi saranno pubblicati molto presto, probabilmente già la prossima settimana. Lobianco chiarisce inoltre che le prove saranno organizzate in modalità telematica. L’iscrizione alle selezioni sarà stavolta gratuita, perchè il magnanimo Lobianco non vuole gravare sugli esaminandi in questo momento.

le assunzioni previste dal comune


Dunque, Enrico Conte e Giulio Bernetti, direttori dipartimentali delle aree più esposte (Lavori pubblici e Urbanistica-ambiente-mobilità), sono stati ascoltati. Non solo: Lobianco assicura che altri concorsi di imminente lancio riguarderanno 7 funzionari direttivi tecnici, cioè ingegneri e architetti, e 4 analisti programmatori. Riassumendo: delle 72 assunzioni previste per il 2021, 29 avranno procedure accelerate, per cercare di soddisfare le richieste degli uffici tecnici.



Attenzione: prima di adire al concorso vero e proprio, il Comune dovrà espletare la pratica di mobilità, ovvero reperire presso altre amministrazioni pubbliche i profili richiesti. Non è scontato che gli enti (soprattutto i piccoli municipi), dove questi profili operano, concedano il benestare al trasferimento senza colpo ferire.

Proseguiamo nel viaggio tra le future assunzioni con 3 coordinatori pedagogici per servizi educativi, 5 funzionari amministrativo-contabili, 1 assistente sociale, 2 istruttori educativi, 10 istruttori amministrativo-contabili (nuovo profilo che compendia le vecchie figure dell’istruttore amministrativo e del ragioniere).

Accolte anche le perorazioni del vicesindaco Polidori, che ha la delega alla Polizia locale: saranno arruolati 6 tenenti e 10 agenti.

Abbiamo così raggiunto quota 66: mancano solo i 6 dirigenti, che meritano un discorso a parte. In questo momento i manager sono 21 su un organico di 27: la recente conferma di 6 figure, reclutate a tempo determinato nel 2017, ha consentito di rimpinguare una struttura che - anche a giudizio del sindaco Dipiazza - era un po’ troppo dimagrita.

Quindi, in apparenza, se si sommano i 21 in attività con i 6 da concorsuare, si otterrebbe la sospirata cifra di 27, il numero indicato dall’organico “ideale”. Ma questa previsione non tiene conto che entro l’anno corrente tre dirigenti diverranno quiescenti: due apicali come Enrico Conte (Lavori pubblici) e Mauro Silla (Welfare nonché vicesegretario generale), un tecnico di lunga navigazione come Enrico Cortese (Ambiente). Di fatto, si ridiscende a 24. Non solo: è andato in pensione il segretario generale Terranova, il nuovo sindaco dovrà nominare un nuovo capo-macchina. Una macchina, compresi i tempi determinati, da oltre 2500 persone. —


 

Video del giorno

Trieste, manifestazione contro il green pass in piazza della Borsa

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi