Contenuto riservato agli abbonati

Libraio a processo per le minacce al sindaco di Monfalcone Cisint

Il 61enne toscano si difende: «Frasi estrapolate dalle mail, difendevo la lettura del Manifesto». Il sindaco: «Fatto grave»

MONFALCONE È accusato dalla Procura di Gorizia d’aver inviato due e-mail di minacce al sindaco Anna Cisint. E per questo motivo, lunedì 3 maggio, un cittadino toscano, Antonio Berti, ex libraio di 61 anni, dovrà comparire davanti al giudice monocratico. La sua difesa è stata assunta da Roberta Bandelli, prima donna avvocato a Monfalcone, che si riserva l’approfondimento degli atti da poco ottenuti, un centinaio di pagine, anteponendolo a commenti.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Trieste, la protesta del "caffè contro il Green Pass" in piazza Unità

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi