Contenuto riservato agli abbonati

A Trieste va in scena la protesta delle detenute: «Temiamo per la salute»

La protesta delle detenute al Coroneo (Silvano)

Nella manifestazione al Coroneo promossa da “senza sbarre” hanno chiesto di essere sottoposte a tamponi ed esami del sangue sierologici, ma anche l’indulto e i domiciliari per le persone con problemi sanitari e gravi patologie e per i detenuti in residuo di pena

TRIESTE Maggior tutela della salute, indulto e domiciliari per chi ha problemi sanitari o è in residuo di pena. Sono queste, in sintesi, le richieste che le detenute del carcere del Coroneo hanno urlato a gran voce - al grido di "Libertà e indulto"" nel pomeriggio di oggi, 1° febbraio da dietro le sbarre delle loro celle.

Una ventina di detenute - sostenute dall'esterno del carcere da una ventina di persone delle associazioni Senza Sbarre e “Non Una di Meno” - hanno dato vita a una rumorosa protesta sbattendo le stoviglie contro le inferriate.

Video del giorno

Finale Champions League, caos fuori dallo stadio: tifosi del Liverpool si accalcano all'ingresso

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi