Gorizia, a 104 orari in via Terza Armata. Arriva la sanzione da 543 euro

La Polizia locale moltiplica i controlli con il telelaser. In 4 mesi più di 50 multe quando la media annuale era di 80. Il comandante dei vigili: «Si corre troppo»

GORIZIA A 104 all’ora in via Terza Armata. Quando lì non si dovrebbero superare i 50.

È il caso limite registrato da una pattuglia dei vigili urbani “armata” di telelaser. «La persona è stata fermata, gli è stata comminata una multa di 543 euro, oltre alla sospensione della patente», sottolinea il comandante della Polizia locale, Marco Muzzatti. «Ha spiegato che correva così tanto perché aveva un’emergenza di carattere sanitario e noi stiamo valutando la veridicità di questa sua affermazione». L’ultimo aggiornamento del Codice della strada prevede che la sanzione per il superamento di velocità da 40 a 60 chilometri orari sia di 543 euro. Lo scorso anno, la multa era di 544 euro ed è, quindi, subentrato uno “sconto” di un euro con il nuovo anno.


Curiosità a parte, giro di vite doveva essere, e giro di vite è stato. L’amministrazione comunale aveva promesso che i controlli anti-velocità sarebbero stati rinforzati. E le strade “sorvegliate speciali” sono, oltre a via Terza Armata, anche la strada regionale 56, nella frazione di Lucinico. Solitamente, la Polizia locale si posiziona nello spiazzo prospiciente alla carrozzeria Zorzenon a pochi passi dal Comune di Mossa. «Ed è proprio lì che abbiamo constatato parecchi superamenti dei limiti di velocità. Di solito, il range va dai 70 agli 80 all’ora, quando non si dovrebbero superare i 50 orari», spiega Muzzatti.

E le multe fioccano. Solitamente, in un anno, erano 80 le sanzioni comminate in media dalla Polizia locale di Gorizia. In soli quattro mesi, nonostante i lockdown, sono state ben più di 50. «Sì, stiamo viaggiando a una media di due/tre sanzioni ad ogni controllo - conferma ancora Muzzatti, comandante della Polizia locale - che è un dato importante per una realtà come Gorizia, senza dimenticare che ci sono anche le altre forze dell’ordine che effettuano i loro routinari e quotidiani controlli. Il telelaser lo stiamo utilizzando costantemente, a cadenza pressoché giornaliera». E non si tratta di “imboscate”, perché, nel pieno rispetto delle normative, i controlli vengono preannunciati sempre dai cartelli che annunciano la presenza del telelaser o dell’autovelox. «L’automobilista sa che ci siamo. Eppure, tante volte, supera lo stesso i limiti di velocità».

Oltre alla regionale 56 e a via Terza Armata, le altre strade, in assoluto, dove i limiti di velocità vengono superati più o meno sistematicamente sono via IV Novembre e via Trieste, grazie anche alla loro conformazione caratterizzata da lunghi rettilinei. E la Polizia locale, compatibilmente con le mille impellenze, ha moltiplicato gli sforzi in tema di controlli con il telelaser. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Fiammiferi di asparagi con aspretto di ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi