Vaccini anti-Covid, sì al riequilibrio delle dosi tra le regioni

Lo ha riferito il presidente della Conferenza delle regioni Bonaccini dopo l'incontro con il commissario Arcuri

TRIESTE «Nella riunione di martedì sera, il commissario Arcuri ci ha comunicato che nella fornitura della prossima settimana di vaccino Pfizer anti Covid si riequilibrerà l’errore fatto questa settimana: chi ha subito un taglio superiore al 29%, riceverà proporzionalmente più dosi». Lo ha rivelato il presidente del Veneto, Luca Zaia.

«Resta comunque il fatto che dobbiamo essere assolutamente messi in condizione di vaccinare, visto che la campagna vaccinale si è arrestata per quanto riguarda le prime dosi - ha aggiunto -. Per ora siamo solo ai richiami, riuscendo a venirne fuori questa settimana, poi vedremo. Dalle informazioni che ci sono state date, dopo la prossima settimana si tornerà a regime. Ma domani è un altro giorno».

Una notizia confermata anche dal presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini: «Abbiamo fatto una lunga video call con i ministri Boccia e Speranza e con il commissario Arcuri. Abbiamo deciso il riequilibrio tra regioni, perché Pfizer ha deciso unilateralmente a chi togliere di più e a chi meno. Regioni come l'Emilia Romagna, la Lombardia e il Friuli Venezia Giulia sono state colpite in maniera più pesante. Ci sarà un riequilibrio».

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi