Coronavirus in Fvg, altri 698 casi e 29 decessi di cui 4 a Trieste e 2 a Gorizia. Lo studio: la mortalità in regione supera il valore soglia   

Il report della Cattolica mostra numeri in peggioramento. Elevato anche il tasso di saturazione delle terapie intensive

TRIESTE. Oggi, venerdì 15 gennaio, in Friuli Venezia Giulia su 7.625 tamponi molecolari sono stati rilevati 576 nuovi contagi ai quali si aggiungono 122 casi già risultati positivi al tampone antigenico nei giorni scorsi e confermati da test molecolare, con una percentuale di positività del 9,15%. Sono inoltre 3.009 i test rapidi antigenici realizzati e in cui sono stati rilevati 221 nuovi casi (7,34%). I decessi registrati sono 24, ai quali si aggiungono 5 morti pregresse risalenti al periodo tra il 30 dicembre e il 10 gennaio. I ricoveri nelle terapie intensive rimangono 68 mentre quelli in altri reparti sono 688.

Lo comunica il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. I decessi complessivamente ammontano a 2.035, con la seguente suddivisione territoriale: 499 a Trieste (+4), 952 a Udine (+14), 445 a Pordenone (+9) e 139 a Gorizia (+2). I totalmente guariti aumentano a 43.338, i clinicamente guariti salgono a 1.259, mentre le persone in isolamento sono 12.123. In considerazione della circolare del Ministero della salute che da oggi riconosce la validità dei tamponi antigenici rapidi di ultima generazione nella definizione dei casi di Covid-19, dall'inizio della pandemia in regione sono risultate positive 59.511 persone.

Nel dettaglio dei dati odierni sul Covid-19 in Friuli Venezia Giulia, nel settore delle residenze per anziani sono stati rilevati 34 casi di positività tra le persone ospitate nelle strutture regionali, mentre gli operatori sanitari risultati contagiati all'interno delle stesse strutture sono in totale 15.

Sul fronte del Sistema sanitario regionale (Ssr) da registrare nell'Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale le positività al Covid di 5 infermieri, un farmacista, un medico e 3 operatori socio sanitari; nell'Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina di 2 infermieri e un operatore socio sanitario; nell'Azienda sanitaria Friuli Occidentale di 3 infermieri, 2 medici e un operatore socio sanitario; nell'Azienda Regionale di Coordinamento per la Salute di un amministrativo. Infine, da rilevare le positività al virus di tre persone rientrate rispettivamente da Gran Bretagna, Croazia e Libia. ;

IL REPORT: IN FVG SUPERATO IL VALORE SOGLIA DELLA MORTALITA'

È di nuovo in aumento l'incidenza settimanale dei casi di Covid-19, che registra un valore nazionale pari a 180 ogni 100.000 residenti. E salgono anche letalità e mortalità settimanali, così come la pressione sui sistemi sanitari ospedalieri e territoriali. È quanto emerge dalla 34/a puntata dell'Instant Report Covid-19, a cura dell'Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari (Altems) dell'Università Cattolica di Roma. I dati, all'11 gennaio, mostrano che la percentuale di casi attualmente positivi (575.979) sulla popolazione nazionale è pari a 0,97%, in aumento rispetto ai dati del 04/01 in cui si registrava lo 0,95%.

Anche la percentuale di casi (2.289.021) sulla popolazione italiana è in sensibile aumento, e passa dal 3,59% al 3,84%. Cresce nella settimana dal 4 all'11 gennaio, la letalità, o numero dei decessi rispetto ai positivi al virus, pari al 4,25 per 1.000, in aumento rispetto al 3,97 della settimana precedente: a fare peggio sono Liguria (con 11,62) e Provincia Autonoma di Trento (con 11,35). Anche la cosiddetta mortalità grezza (il numero di pazienti deceduti in un determinato periodo di tempo, su 100 mila abitanti), cresce ed è pari a 4,82%, in aumento rispetto al 4,44% della scorsa settimana: il Friuli-Venezia Giulia ha superato notevolmente il valore soglia registrando il 12,93%, a seguire il Veneto (9%) e l'Emilia-Romagna (8,92%). Tutto questo si è tradotto anche in una maggior pressione sui sistemi sanitari. Nel complesso, in Italia, nella settimana passata ci sono stati +10,96 isolati a domicilio ogni 100.000 abitanti, +0,35 ricoveri ordinari ogni 100.000 abitanti e +0,12 ricoveri intensivi ogni 100.000 abitanti.

Quanto al tasso di saturazione delle terapie intensive, all’ 11 gennaio 2021 otto regioni (Emilia-Romagna, Lazio, Puglia, Veneto, provincia autonoma di Bolzano, Marche, Friuli-Venezia Giulia e P.A. di Bolzano) si posizionano nel primo quadrante con la più elevata pressione.

I VACCINI

Infine, sono 25.903 i vaccini inoculati finora in Fvg, su 37.315 dosi disponibili, come traspare dai metadati contenuti nel «Report vaccini Anti Covid-19» del Ministero della Salute e del Commissario straordinario Covid-19. 

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi