Contenuto riservato agli abbonati

Vaccino agli over 80: l’ipotesi fine gennaio. In Fvg prima dose a un cittadino su 65

La campagna anti Covid prosegue a buon ritmo in regione: solo Emilia Romagna e Valle d’Aosta hanno dati migliori

TRIESTE Un cittadino su 65 del Friuli Venezia Giulia ha ricevuto la prima dose del vaccino Pfizer. Il dato emerge dal report nazionale che vede il Fvg al terzo posto in Italia nelle settimane di avvio della campagna anti-Covid. Alla giornata simbolo di Palmanova dello scorso 27 dicembre, è seguita dunque una buona partenza, che è conseguenza della confortante adesione del personale del sistema sanitario e che consente di pianificare già lo step successivo, quello degli over 80, a partire sicuramente da febbraio, se non addirittura da fine gennaio.



Nel pomeriggio di ieri risultavano vaccinate in regione 18.628 persone (con l’immunità che arriverà però solo a seguito dell’obbligatorio richiamo, tre settimane dopo la prima somministrazione), vale a dire l’1,54% dei residenti. Fanno meglio sin qui solo l’Emilia Romagna (1,79%) e la Valle d’Aosta (1,57%). Alle spalle del Fvg si piazzano il Veneto (1,53%), la Provincia di Trento (1,36%), la Sicilia (1,35%) e la Toscana (1,34%). Nelle posizioni di coda, invece, la Lombardia (0,85%), la Basilicata (0,84) e la Calabria (0,66%). La media Paese è dell’1,21%: è stato vaccinato un italiano su 82. Il cammino è lungo, ma la risposta al pronti-via è almeno convincente.



«La campagna di vaccinazione sta procedendo a buon passo – spiega il vicegovernatore con delega alla Salute Riccardo Riccardi –, secondo quanto avevamo pianificato a partire da fine dicembre». Soddisfazione in particolare per l’alta adesione al vaccino da parte del personale del Servizio sanitario regionale, un messaggio trasmesso da Riccardi ieri mattina in un incontro in via telematica con i presidenti degli ordini di categoria. Con un dato medio pari al 70% e punte del 96% tra i medici, «il segnale è importante soprattutto nei confronti di quella parte della popolazione che, al momento, è ancora titubante nel sottoporsi alla vaccinazione».



Agli stessi ordini professionali Riccardi ha pure comunicato la piena disponibilità dell’amministrazione a coprire le spese assicurative per quei medici che volontariamente si offriranno di far parte delle équipe che garantiranno la vaccinazione su larga scala. Guardando ancora il report nazionale, il Fvg ha utilizzato il 70% di quanto inviato dalla Pfizer, poco sotto la media nazionale del 73%, con numeri vicini al 100% per Umbria, Valle d’Aosta, Campania, Veneto e Toscana. Con 70 mila dosi in arrivo nel corso di gennaio (che consentiranno di coprire 35 mila persone), prosegue l’assessore, «abbiamo raggiunto la massima capacità vaccinale tenendo conto che per ognuno è prevista una doppia somministrazione. Oggi (ieri per chi legge, ndr) abbiamo parlato con la struttura commissariale, la quale ci ha assicurato che in Fvg verranno garantiti flussi di nuove dosi, di cui siamo in attesa di conoscere i dettagli. Ciò permetterà di continuare a lavorare sull’apertura delle agende per ampliare il più possibile la platea dei vaccinabili in questa prima fase. Poi dovremmo capire come il piano nazionale intende procedere per immunizzare le altre categorie».



In agenda ci sono gli over 80 (103 mila sul territorio) e gli operatori e gli ospiti delle strutture per disabili. Si partirà da loro, ma il piano si costruirà nei dettagli nei prossimi giorni, sulla base delle forniture Pfizer, ma anche del battesimo del vaccino Moderna, recentemente autorizzato. L’Istituto superiore di sanità ha fatto sapere ieri dell’arrivo delle prime dosi del vaccino, «che sono state stoccate presso l’Iss e nei prossimi giorni verranno distribuite alle Regioni – si legge in una nota – con i mezzi messi a disposizione da Poste Italiane, dando priorità a quelle con un maggior numero di abitanti sopra gli 80 anni». Una previsione che potrebbe mettere in prima fila il Fvg, la seconda regione più “vecchia” d’Italia dopo la Liguria. —


 

Merluzzo al vapore al pomodoro e taggiasche, farro, cime di rapa alle mandorle

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi