Contenuto riservato agli abbonati

Il teatro che non si arrende al Covid: «Lo stop sarà l’occasione per programmare il futuro»

Il Rossetti gremito per la "prima" (Foto Silvano)

Dal direttore del Verdi di Gorizia al presidente del Rossetti, riflessioni per guardare al post Covid. Ma intanto cresce l’angoscia per i danni occupazionali e resta l’incertezza sui tempi di riapertura 

TRIESTE La via che conduce alla riapertura dei luoghi artistici è lastricata di frustrate intenzioni. Tra i rappresentanti del mondo della cultura, tuttavia, c’è anche chi prova a vedere il bicchiere mezzo pieno. E ad affrontare le settimane del secondo lockdown dei teatri come un’occasione di rinascita, piuttosto che come una fase di coma indotto.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Un'auto senza targa in fiamme nei campi a San Floriano del Collio

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi