Contenuto riservato agli abbonati

Riccardi: «La Rianimazione a Gorizia non chiude»

Un’infermiera mentre esce dal reparto Covid allestito al San Giovanni di Dio, a Gorizia (Foto Bumbaca)

Polemica sul nulla, la Regione rassicura. Nel reparto Covid del San Giovanni occupati 57 posti-letto

GORIZIA «Terapia intensiva e Rianimazione non chiudono a Gorizia». A scandirlo con chiarezza è Daniele Pittioni, direttore medico-ospedaliero e responsabile dei nosocomi di Gorizia e Monfalcone, al termine di una riunione operativa.

A lanciare il sasso erano stati sia i sindacati (ovvero il Nursind), sia alcuni consiglieri regionali d’opposizione (nella fattispecie la pentastellata Ilaria Dal Zovo e il dem Diego Moretti) con critiche, anche furiose, all’operato della giunta Fvg e dell’Asugi.

Video del giorno

Roma-Feyenoord, l'occhiolino di Abraham alla panchina dopo aver subito un fallo

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi