Contenuto riservato agli abbonati

Zara, la vecchia casa del faro austroungarico diventa meta per turisti

Il faro di Oštri rat, all’ingresso nord di Zara (foto da plovput.h)

ZARA Un edificio fatiscente e trasformato pressoché in una discarica dopo lunghi anni di abbandono, trasformato grazie a un poderoso restauro in una struttura turistica destinata a ospiti danarosi. Si tratta del faro di Oštri rat, a Puntamica, all'ingresso nord di Zara, che il ministero croato ha proclamato bene culturale e dunque in regime di tutela.

Quello di Oštri rat è l’unico dei sette fari dello Zaratino sistemato sulla terraferma: l’azienda pubblica Plovput - che gestisce 21 strutture di segnalazione lungo la costa croata – lo ha dato in locazione nel 2016 a due imprenditori austriaci. Questi ultimi due lo hanno trasformato, rispettando le norme dettate dal Dipartimento zaratino alla Conservazione.


Costruita nel 1869, ai tempi dell'Impero austroungarico, la lanterna zaratina è una rarità architettonica, specialmente a causa della torre del faro, costruita in pietra e staccata dall’edificio principale, e cinta inoltre da una scalinata esterna a chiocciola. La torre è alta 14 metri e naturalmente non è stata data in concessione – giacché le leggi croate lo vietano – mentre la locazione riguarda l'edificio centrale, gli immobili e l'area circostante, il tutto vicino al mare. Il complesso dispone ora di piscina all'aperto, bar, orto, spiaggia e parcheggio privati e area barbecue. L’edificio rinnovato si compone di cinque appartamenti su due piani.

«Si tratta del terzo faro che Plovput ha dato in concessione nell’area dello Zaratino – spiega il capitano Dino Dellavia, della Capitaneria portuale di Zara – gli altri due sono quelli di Puntadura e Rivanjske sestrice. L'impianto Oštri rat è normalmente in attività e ha due riflettori, quello principale azionato a corrente e visibile fino a una distanza di 15 miglia. Il fascio di luce del riflettore ausiliario, che utilizza l’energia solare, arriva fino a 7 miglia. Fino a quattro anni fa - ricorda ancora Dellavia - la lanterna di Puntamica era abbandonata alla propria sorte, adesso è diventata un’oasi di pace e tranquillità in una zona situata vicino al nucleo storico di Zara».

Nello Zaratino ci sono quattro fari automatizzati, mentre sono tre le lanterne con guardiano. —


 

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi