A Trieste il summit tra i leader del G20 sui temi dell’innovazione e della ricerca

Il premier Conte

La città, definita da Conte durante Esof come luogo ideale per sviluppare il futuro, ospiterà una tappa del forum mondiale

TRIESTE C’è anche Trieste tra le città che ospiteranno il G20 a presidenza italiana nel 2021. Il capoluogo regionale sarà protagonista il 5 e 6 agosto della riunione ministeriale Innovazione e Ricerca, sesta tappa del tour del forum internazionale che riunisce le principali economie del mondo. Promessa mantenuta quindi per il premier Giuseppe Conte che, intervenendo lo scorso settembre alla giornata conclusiva di Esof, aveva annunciato definito Trieste città ideale per «costruire qualcosa destinato a svilupparsi anche in futuro», annunciando riconoscimenti ad hoc da parte del governo. Ed ecco ora la decisione di valorizzare la vocazione scientifica del territorio scegliendolo come location di una vetrina internazionale tanto prestigiosa.

Il presidente del Consiglio ha partecipato il 21 e 22 novembre al vertice G20 di Riad in modalità virtuale, occasione anche per il passaggio di consegne tra la presidenza saudita e quella italiana, iniziata ufficialmente martedì 1 dicembre. Con l’obiettivo finale della due giorni di Roma il 30-31 ottobre 2021, il nostro Paese è dunque alla guida dell’assise di leader, ministri delle Finanze e governatori delle banche centrali, onere e onore in una congiuntura mai così difficile dalla fine della seconda guerra mondiale. La speranza è naturalmente che gli incontri si possano svolgere in presenza, anche perché si inizierà a maggio, quando il virus potrebbe essere, oltre che in frenata, anche messo all’angolo dal vaccino.


A indicare le linee guida del G20 italiano è stato Pietro Benassi, consigliere diplomatico del premier. Tre le parole d’ordine, Persone, Pianeta e Prosperità, «secondo un approccio olistico, coerente con lo spirito che guida il Green Deal europeo e la visione rappresentata nel piano Next Generation Eu». Quei tre pilastri orienteranno l’azione di un G20 che ha assunto negli anni un ruolo sempre più rilevante nell’affrontare le sfide globali, grazie anche alla sua ampia rappresentatività: i Paesi membri costituiscono il 60% della popolazione mondiale, più dell’80% del Pil globale e circa il 75% degli scambi internazionali.

Il calendario 2021, che culmina con il vertice autunnale dei leader nella capitale, si compone di una decina di riunioni ministeriali e di una serie di eventi speciali dedicati ai grandi temi dell’agenda globale. Gli appuntamenti sono fissati a Roma (Cultura-Turismo, 3-4 maggio), Catania (Lavoro-Istruzione, 22-23 giugno), Matera (Esteri-Sviluppo, con sessione sulla Cooperazione allo sviluppo a Brindisi, 28-30 giugno), Venezia (Economia e Finanze, 9-10 luglio), Napoli (Ambiente-Clima-Energia, 22-23 luglio), Trieste (Innovazione e Ricerca, 5-6 agosto), Roma (Salute, 5-6 settembre), Firenze (Agricoltura, 19-20 settembre), Sorrento (Commercio internazionale, 5 ottobre). «Non un posto a caso, il G20 per la ricerca si fa a Trieste – commenta con soddisfazione il vicepresidente della Camera e coordinatore nazionale di Italia Viva Ettore Rosato –. Si fa a Trieste perché la città è un punto di riferimento mondiale, con le sue istituzioni internazionali e con le personalità del mondo della scienza e della ricerca che la guidano e la animano. Merito mio? Merito della città. Io mi sono solo limitato a candidarla. L’importante ora è sfruttare al meglio questa occasione, anche nella logica di investimenti possibili delle risorse del Recovery Fund che, in modo intelligente, possiamo far convergere sulla città proprio a sostegno di ricerca e innovazione».

Il logo scelto per il G 20 del 2021 nasce da una riflessione attorno al celebre disegno “L’Uomo Vitruviano” di Leonardo da Vinci. Il quadrato in blu è la rappresentazione dell’Italia, il cerchio in oro simboleggia il globo e il moto di rinnovamento, mentre la scritta sostituisce concettualmente la figura umana. —


 

Merluzzo al vapore al pomodoro e taggiasche, farro, cime di rapa alle mandorle

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi