Contenuto riservato agli abbonati

Gorizia, cinquantenne trovato mummificato nella sua abitazione

GORIZIA Non dava segni di vita da parecchi mesi. Non si sa da quanti con precisione. Qualcuno dice di averlo visto per l’ultima volta due anni fa. O poco meno. Di Mario Brumat si erano perse le tracce ma nessuno, a quanto pare, aveva mai dato l’allarme prima. Del resto, viene descritto come un solitario che non aveva, all’apparenza, grossi rapporti con altre persone. Nei giorni scorsi un lontano parente ha dato l’allarme, preoccupato per quella prolungata assenza, per quel silenzio. Sono intervenuti i carabinieri che, con l’ausilio dei vigili del fuoco, hanno proceduto con l’apertura della porta della sua abitazione, regolarmente chiusa all’interno. Nessun segno di effrazione, nessuna irregolarità, nessun mistero. Entrati nell’alloggio, la macabra scoperta. È stato trovato (non si sa se a terra o disteso sul letto) il corpo senza vita del povero inquilino. Solo che la morte non era avvenuta da poco tempo, bensì da «parecchi mesi». A dirlo gli stessi carabinieri che, confermando l’identità dell’uomo, parlano di un corpo, se non mummificato, semi-mummificato.

Il fatto risale a una quindicina di giorni fa ma è emerso solo ieri. L’uomo sulla cinquantina viveva in un’abitazione nel quartiere di Piedimonte, alla periferia della città. «Era un tipo un po’ particolare - fa sapere una fonte attendibile - e da un paio d’anni era scomparso e nessuno sapeva che fine avesse fatto. L’altro giorno un lontano parente, preoccupato, ha pensato di chiamare i carabinieri che sono entrati coi pompieri, nell’abitazione. L’hanno trovato mummificato».


Altro non si sa. I carabinieri non forniscono dettagli su cosa facesse nella vita, se lavorasse, se avesse parenti ancora in vita. L’unica certezza è che le cause del decesso sono «indiscutibilmente naturali». Un malore gli è risultato fatale. Non c’è stato il concorso di terze persone e tutto, nell’appartamento, era in ordine. «Nessun segno di effrazione, porta chiusa dall’interno», conferma l’Arma. Una morte solitaria, dunque. Ma si è verificata parecchi mesi fa. Senza che nessuno se ne accorgesse. —


 

Video del giorno

Trieste, la protesta del "caffè contro il Green Pass" in piazza Unità

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi