Contenuto riservato agli abbonati

La zona rossa incombe sul Fvg. Oggi il verdetto, decide Roma

A passeggio con la mascherina in piazza Unità a Trieste

Penalizzati dai pessimi dati delle ultime settimane su contagi e ricoveri. Focolaio al Coroneo: trovati positivi 16 detenuti, 4 agenti e un infermiere

TRIESTE Un’altra giornata con tante vittime, 26, di cui cinque a Trieste: il prezzo più duro da pagare alla pandemia. Ancora ricoveri al rialzo per curare il Covid. Ma anche una svolta positiva: pure il Friuli Venezia Giulia, ieri con 814 nuovi positivi su 1.903 persone testate (incidenza del 42,77%) e 7.676 tamponi (10,67%), si sta avvicinando al picco della seconda ondata.

Oggi, 27 novembre, nel consueto approfondimento del venerdì, il governo aggiornerà le fasce delle regioni sulla base dei numeri della scorsa settimana. Il rischio “rosso” per il Fvg esiste, soprattutto per l’aumento del carico di lavoro negli ospedali, ma il verdetto che la Regione ritiene più probabile – con fonti romane che parlano tra l’altro di un’ulteriore riduzione del Rt, l’indice di contagio, che ha un peso non indifferente – è la conferma per un altro paio di settimane della fascia arancione.

A confortare è comunque il trend degli ultimi due giorni. In ritardo, come rileva anche la Fondazione Gimbe (peraltro su dati che si fermano al 24 novembre), su una media Paese ieri del –16,8% (e quindi già con la discesa imboccata), l’incremento dei casi negli ultimi sette giorni rispetto ai sette precedenti è al ribasso anche in Fvg: dal +20,3% di mercoledì si è scesi al +3,9%.



Dopo essere stata la regione più in difficoltà d’Italia nel contenere la velocità del virus il Fvg - che, in prima linea nel braccio di ferro con Roma sulla difesa della stagione invernale, ha anche chiesto la chiusura delle frontiere - ha adesso alle spalle almeno la Puglia (+8,4%). Quanto al livello provinciale, la decelerazione di Trieste è già netta (-18, 6%) e pure Pordenone (-8, 6%) ha iniziato a scendere. Coronavirus non sotto controllo, al contrario, a Udine (+20,1%), mentre Gorizia (+2, 5%) è vicina al picco.

È proprio la diffusione del contagio nelle settimane precedenti che ha prodotto sia il carico sugli ospedali (ieri un +1 le terapie intensive occupate, il 55,32% del totale a disposizione, +11 i posti letto negli altri reparti, 47%) sia l’aumento dei decessi. I morti con diagnosi Covid sono ora 741 (291 a Trieste, 262 a Udine, 161 a Pordenone e 27 a Gorizia), di fatto raddoppiati in un mese.



Nel bollettino del vicepresidente con delega alla Salute Riccardo Riccardi si registra la scomparsa di cinque triestini: tre donne di 102 (deceduta in Rsa), 86 (in ospedale) e 82 anni (nel proprio domicilio), due uomini di 86 (Rsa) e 61 anni (nel proprio domicilio). In Friuli le vittime sono 16 uomini (di Povoletto di 96 anni, Lestizza, 93, Nimis, 93, Mortegliano, 92, Pasian di Prato, 90, Pozzuolo, 86, San Giovanni al Natisone, 86, Udine, 86, Pradamano, 83, Sacile, 80, Tolmezzo, 79, Torviscosa, 78, Vajont, 78, Rigolato, 76, Manzano, 76, e Codroipo, 68) e cinque donne (di Cassacco di 97 anni, Tarcento, 93 e 87, Cordovado, 84, e Tolmezzo, 79).

Tra le nuove positività, oltre ai casi nel carcere, Asugi ha informato che a contrarre il virus sono stati due alunni e due docenti della scuola media Codermatz di Trieste, con la conseguenza di due classi messe in quarantena.

Nelle residenze per anziani si aggiungono i 74 contagiati tra ospiti (41) e operatori (33). Nel Sistema sanitario regionale sono positivi un tecnico di laboratorio e due infermieri in Asugi, un ausiliario, due terapisti, cinque infermieri, due medici, un veterinario e sette Oss nell’Azienda Friuli Centrale, sei infermieri e tre Oss nella Friuli Occidentale, e due infermieri al Cro di Aviano. La Regione fa sapere anche di due positività di persone rientrate dall’estero (Bosnia e Albania).

Il totale delle infezioni, con il +814 di giornata (104 test pregressi) è di 27.099, di cui 11.739 in provincia di Udine (+437), 6.569 a Trieste (+99), 5.134 a Pordenone (+136), 3.323 a Gorizia (+138) e 334 di residenti fuori regione (+4). Gli attualmente positivi sono 14.139 (+326), i totalmente guariti 12.219 (+462), i clinicamente guariti 317 (+40), gli isolamenti 13.168 (+274).—
 

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi