Fedriga: «Rischiamo la zona rossa, non quella arancione»

TRIESTE. «Abbiamo un Rt più alto di 1,5: evidentemente il virus si è diffuso in modo consistente. Siamo in quella via dove, malgrado un sistema sanitario più forte rispetto ad altre parti, abbiamo una diffusione elevata. Se noi dovessimo superare un altro degli indici, non rischiamo la zona arancione, ma rischiamo direttamente la zona rossa». Lo ha detto il presidente del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, intervenendo ieri sera (martedì 10 novembre) a Cartabianca su Raitre.

«Nella notte di ieri ho parlato con il ministro della Salute, Roberto Speranza - ha spiegato - non c'è l'ipotesi oggi che Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e Veneto diventino zona arancione. Noi, come Veneto ed Emilia Romagna, stiamo tenendo dal punto di vista dell'organizzazione sanitaria. Stiamo potenziando il lavoro», ma «il virus - ha ribadito si è diffuso in modo consistente».

Video del giorno

Giornata della memoria a Trieste, il sindaco invita Arcigay alla cerimonia in Risiera

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi