Contenuto riservato agli abbonati

Ragusa dopo il boom adesso si riscopre una città fantasma

Quest’anno arrivati solamente 371 mila ospiti stranieri pari a meno 80% rispetto al 2019. Avanza il disagio sociale

RAGUSA Uno choc consumatosi in pochi mesi, con la plurisecolare città dalmata passata dall'overtourism, il sovraffollamento turistico, ad una situazione che ha fatto riandare con la memoria alla situazione di quasi trent'anni fa. I tempi, per capirci, quando l'antica Ragusa (Dubrovnik) era in prima linea nei combattimenti tra i croati e gli indipendentisti serbi, spalleggiati dai montenegrini e dall'allora Armata popolare jugoslava.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Trieste, punto lavori all'ex caserma della Polstrada di Roiano

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi