Dolcetto o scherzetto? Evitiamo entrambi per non creare stress agli amici a 4 zampe

La festa di Halloween con il suo carico di travestimenti, ragnatele finte zucche intagliate e caramelle può esporre a molti seri rischi Fido e Fufi

TRIESTE Dolcetto o scherzetto a Halloween? Nessuno dei due per Fido e Fufi: zucche decorative, ragnatele finte, dolci zuccherati, travestimenti a tema e ovviamente momenti da brivido non fanno proprio al caso dei nostri amici pelosi. Farà bene a ricordarlo dunque chi, nonostante l’emergenza sanitaria non ci permetta di festeggiare come negli anni precedenti, intende ugualmente tener viva la tradizione. Diventa importante quindi non sottovalutare le situazioni che potrebbero trasformarsi in guai e mettere il tutto in sicurezza.

Per i fan di Halloween, l’usanza di vestirsi in maschera è un divertimento irrinunciabile: inizialmente nata per i bambini e successivamente dilagata tra le persone adulte, negli ultimi anni è approdata addirittura tra i quattrozampe. In commercio esiste un vasto assortimento di travestimenti dedicato a loro: ecco allora il cane che si tramuta in una bambola horror oppure il gatto che prende le sembianze di un pipistrello. Tuttavia ciò che per noi è divertente, raramente lo è anche per i nostri animali: mettere un costume, azione assolutamente innaturale, può arrecare stress perché ostacola i movimenti, la vista e la capacità di respirare naturalmente.


Intagliare una zucca dandole l’aspetto di un volto e incastrarci una candelina all’interno: quale amante della notte delle streghe non ha mai provato a creare questo genere di decorazione? Appendere ragnatele finte, accendere candele e fantasmini luminosi, gli ornamenti come questi si sprecano: attenzione però ad allestire il tutto correttamente, senza lasciare alla portata i fili elettrici per esempio, sopratutto qualora ci sia un cane o un gatto nei paraggi. Proprio così, occhio ai dolci lasciati incustoditi, quali cioccolato, noci, uvetta e il dolcificante artificiale xilitolo: evitare assolutamente di condividere questi alimenti con il proprio compagno a quattro zampe perché tossici per il suo organismo. Nel caso ci si accorgesse che l’animale ha ingerito i cibi precedentemente elencati, contattare immediatamente il veterinario che, in base alla gravità della situazione, deciderà sul da farsi. —




 

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi