Trieste, dalla Fiera di San Nicolò al luna park. Confermati tutti i grandi classici del Natale

Il luna park Santa Claus village, allestito sulle Rive negli ultimi anni

La giunta tira dritto sull’allestimento di bancarelle natalizie e attrazioni sulle Rive. «Ma sempre nel rispetto delle regole

TRIESTE «Tentiamo di salvare il salvabile». Così l’assessore comunale Tonel annuncia di voler continuare la programmazione degli eventi natalizi, la Fiera di San Nicolò e il mercatino di Natale. E pure il luna park, che ormai da anni accompagna le feste, potrebbe tornare, con le dovute misure di sicurezza.

«Procediamo come se dovessimo organizzare ogni evento, al pari degli anni scorsi, penseremo poi se i vari appuntamenti saranno modificati, in forma ridotta o comunque diversa dal passato. Per ogni singola iniziativa ci sarà un protocollo ad hoc, che determinerà specifiche disposizioni da seguire, come ad esempio percorsi obbligati. La volontà è di continuare su questa strada perchè – aggiunge l’assessore – rappresenta anche un modo per garantire una boccata d’aria agli operatori del commercio. La speranza è che, finito questo periodo di limitazioni, la situazione migliori, fermo restando che continueremo a monitorare il quadro complessivo. È anche un messaggio di speranza, in un momento in cui tutto sta saltando».

Tonel non esclude che nei protocolli vengano inseriti anche i tamponi per gli operatori. Ma per i dettagli delle misure adottate serve aspettare. «Ci impegniamo fino all’ultimo – ribadisce –, è un momento drammatico dove anche le più piccole iniziative non possono che aiutare. Se poi arriveranno ulteriori disposizioni nazionali, anche dopo il 24 novembre, è chiaro che prenderemo i provvedimenti necessari. Se saremo costretti a bloccare tutto quindi, lo faremo. Ma mi auguro che le manifestazioni, almeno in parte, si possano salvare». Intanto in altre città e regioni, eventi legati alle festività sono già stati annullati, come la Fiera di San Nicolò di Monfalcone, che ha annunciato la rinuncia all’edizione 2020, così come i famosi mercatini di Natale del Trentino Alto Adige.

«Ognuno decide in base alle proprie considerazioni, il nostro obiettivo è di farci trovare pronti davanti a qualsiasi tipo di scenario possibile». Anche il luna park, che come tradizione ormai da anni trova posto sulle Rive, non è escluso che si possa riproporre, magari con una formula diversa. «Teniamo aperta la possibilità di rifarlo. Anche con l’attuale Dpcm gli spettacoli viaggianti, quindi le giostre, possono continuare l’attività – precisa Tonel – mentre se sono riuniti in gruppo, come luna park, sono considerati parchi divertimento e quindi vietati. Anche su questo fronte vedremo cosa succederà dopo il 24 novembre». — m.b. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Zuppa fredda di barbabietola, arancia e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi