Trieste, oltre 2 mila adesioni alla petizione sul web contro l’ovovia

TRIESTE Ha superato quota duemila adesioni la petizione online “Trieste ha voglia di tram, non di ovovia”, lanciata alcuni giorni fa da un gruppo di associazioni.

L’iniziativa, che mette in evidenza le criticità dell’impianto annunciato dal Comune, tra Porto vecchio e Opicina, propone un progetto alternativo: una rete di tram, realizzabile con lo stesso investimento previsto per l’ovovia, 45 milioni di euro. Uno degli assi fondamentali sarebbe quello dalla Stazione centrale a piazza Foraggi. Inoltre, nel documento pubblicato online, viene chiesta a Comune, Regione e Governo la possibilità di effettuare uno studio di fattibilità per un’infrastruttura di trasporto rapido di massa, inserita nel tessuto urbano, integrata anche con la ferrovia.


La raccolta firme è proposta da Fiab, Tryeste, Legambiente, Bora.La, Spiz, Cammina Trieste, Aidia, Zeno, Fridays For Future e Uisp Fvg.

I vari sodalizi coinvolti nell’iniziativa puntano ora a toccare le tremila adesioni. La petizione è consultabile e firmabile sul sito www.change.org. —


 

Arrosto di maiale con funghi e castagne

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi