Parenzo si affida a “Stream” per fronteggiare l’acqua alta

Una veduta aerea della cittadina di Parenzo

In arrivo 330 mila euro dall’Ue per limitare gli effetti dei cambiamenti climatici Prevista la mappatura delle zone a rischio e l’acquisto di mezzi di protezione

PARENZO I cambiamenti climatici sono ormai sotto i nostri occhi, si va da un estremo all’altro per lo più dalla prolungata siccità alle abbondanti precipitazioni dal cielo.

Gli effetti sono dannosi per la salute dell’uomo, per l’economia, per l’ambiente e in generale per la qualità della vita. Da qualche decennio a questa parte gli allagamenti delle località sul mare in condizione di maltempo sono piuttosto frequenti e stando alle previsioni degli esperti, in futuro la situazione peggiorerà ulteriormente.


É il caso di Parenzo, la città istriana di San Mauro, che finisce spesso sott’acqua. È necessario quindi adottare delle misure che consentano un adattamento progressivo ai cambiamenti con obiettivo principale il contenimento dei danni e la limitazione degli sconvolgimenti della vita quotidiana della popolazione.

Mossa da questa finalità, Parenzo ha deciso di aderire al progetto strategico europeo Stream (Strategic development of flood management), che verrà realizzato nell’ambito del Programma Interreg Italia–Croazia 2014 – 2020, come precisato alla Conferenza stampa di presentazione convocata dal sindaco Loris Persuric presso l’Università Popolare Aperta. C’erano anche Dunja Babic responsabile per i progetti comunitari, il comandante della Protezione civile cittadina Denis Matosevic nonché la direttrice dell’azienda municipalizzata Parentium e coordinatrice del progetto Stream per Parenzo Gordana Lalic.

Al progetto aderiscono 16 partner di Italia e Croazia, capofila è l’Agenzia per lo sviluppo Zadra Nova della Regione zaratina. Il budget disponibile è pari a 9, 4 milioni di euro di cui circa 330 mila assegnati proprio a Parenzo.

Come precisato, l’importo verrà impiegato per tutta una serie di misure preventive e finalizzate all’abilitazione delle squadre di intervento per affrontare le situazioni di emergenza. Più precisamente verrà elaborata la mappatura delle zone maggiormente a rischio, definita la documentazione tecnica per la messa a punto di un sistema intelligente di raccolta e smaltimento delle acque piovane sul territorio cittadino.

Si prevede pure l’acquisto di nuove attrezzature già agli inizi dell’anno prossimo per i Vigili del fuoco e le altre squadre di intervento, del valore di 73 mila euro.

Il progetto avrà la durata di 33 mesi, praticamente dovrà venir portato a termine entro il 2022. Va detto che Parenzo è una delle prime città in Croazia ad aver definito la Strategia di adattamento ai cambianti climatici incluso il Piano d’azione che ora troverà applicazione pratica grazie alle risorse assicurate dal progetto Stream. –


 

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi