Contenuto riservato agli abbonati

Agenti uccisi a Trieste, la madre di Meran: «Costretta a lasciare la città per le minacce. Vivo nel dramma provocato da mio figlio»

Forze dell’ordine accorse davanti alla Questura subito dopo la sparatoria costata la vita agli agenti Demenego e Rotta. In alto nel riquadro Alejandro Augusto Meran

«Penso in continuazione al dolore dei familiari dei poliziotti uccisi. Ma anche la mia famiglia è distrutta»

TRIESTE «Io e la mia famiglia abbiamo ricevuto minacce. Il campanello suonava di continuo anche perché tutti ormai sapevano dove abitavamo. Quindi ho dovuto andarmene da Trieste. Perché quello che è successo ha sconvolto le nostre vite. Vivo continuamente nel dramma di ciò che ha fatto mio figlio. Un figlio malato».

Dietro alla tragedia di Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, i due giovani poliziotti uccisi in Questura il 4 ottobre dell’anno scorso, c’è anche un altro dolore.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Indonesia, come una nuova Pompei: l'eruzione del vulcano Semeru trasforma un villaggio

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi