Da Pola a  Trieste per fare shopping, ma senza tampone: multati

Il centro commerciale Montedoro

Istriani croati costretti dai carabinieri a pagare 400 euro di sanzione

POLA Multa di 400 euro per esser stati sorpresi in territorio italiano sprovvisti del test negativo al Covid–19. L’hanno pagata alcuni istriani, provenienti dal circondario di Pola, che speravano di farla franca oppure non erano a a conoscenza delle modalità per entrare e muoversi in Italia.


«Ci siamo recati al centro commerciale di Montedoro per fare un po’ di shopping - hanno raccontato al Glas Istre - e all’uscita siamo stati fermati dai carabinieri. Dopo aver esibito i documenti come richiesto, ci hanno accompagnato fino all’automobile chiedendoci infine il test negativo al Covid–19. Siccome non ce l’avevamo, abbiamo pagato la multa di alcune centinaia di euro e quindi i carabinieri ci hanno accompagnato fino all’uscita dal Paese».


Il quotidiano ha quindi telefonato al Comando Provinciale dei carabinieri di Trieste che ha fornito in maniera molto chiara le dovute spiegazioni. Per i cittadini che provengono dai Paesi inclusi sulla Lista rossa dall’Italia, sulla quale appunto figura la Croazia, è necessario il test negativo al Covid–19 non più vecchio di 72 ore. In caso contrario scattano le sanzioni. Vale a dire la multa di 400 euro a testa e quindi l’effettuazione del tampone obbligatorio a Trieste. In caso di positività si paga un’ulteriore ammenda per aver messo a repentaglio la salute dei cittadini. I malcapitati istriani, dunque, se la sono cavata solo con una multa e l’obbligo di uscire immediatamente dall’Italia, scortati dai carabinieri. Altri istriani hanno avuto maggior fortuna, ossia non sono stati fermati e multati però sicuramente non torneranno più in Italia senza essersi messi in regola, oppure fino a che non cadranno le restrizioni al confine. «Siamo entrati in Italia senza problemi, però poi abbiamo visto gli agenti che fermavano le macchine in diversi punti di Trieste - hanno raccontato - e noi l’abbiamo fatta franca per pura fortuna». In ogni caso gli Istriani non tenterebbero l’avventura sul suolo italiano se lo shopping non fosse conveniente, nonostante le spese di benzina e del pedaggio.


Infatti ci sono ancora tanti prodotti a prezzo molto più basso e poi c’è anche il discorso dell’offerta più vasta e della qualità. In questo senso viene sempre tirata in ballo la “Nutella” che a Trieste è quella vera, originale, mentre in Croazia viene piazzata quella più scarsa, destinata ai Paesi dell’est europeo. —

 

Egg muffin con broccoli e feta

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi