Trieste, un concerto in Porto vecchio alla vigilia della Barcolana

Un pubblico da mille ospiti per lo spettacolo organizzato da Comune e Regione. Top secret il nome dell’artista ma i bookmaker scommettono sul rapper Ghali

TRIESTE Un concerto in Porto vecchio per mille persone. Nei giorni della Barcolana, probabilmente il 7 ottobre (la data definitiva deve essere ancora ufficializzata), il Comune, attraverso l’assessorato ai Grandi eventi diretto dalla giovane assessora forzista Francesca De Santis, ha pensato di far rivivere l’antico scalo con le note di musica contemporanea di un artista, la cui identità verrà svelata giovedì pomeriggio con una conferenza stampa ad hoc. I bene informati suggeriscono il nome di Ghali, il rapper milanese di origini tunisine, ma gli organizzatori per ora non confermano. L’intenzione è infatti quella di mantenere il massimo riserbo, da un lato perché si vuole garantire l’effetto a sorpresa e, dall’altro, per definire gli ultimi dettagli.

Va detto che inizialmente l’evento era stato pensato in mare, con una chiatta che avrebbe ospitato il palco mentre gli spettatori si sarebbero goduti lo spettacolo dal piazzale di fronte al nuovo centro congressi. Ma, come precisa l’esponente della giunta Dipiazza, alla fine questa soluzione è stata scartata a causa dei permessi difficili da ottenere e i tempi troppo stretti. Meglio quindi ripiegare sull’evento a terra. Con tutta probabilità si sfrutterà l’area davanti al Magazzino 27, dov’è presente l’opera di “street art” progettata dall’artista triestina Elisa Vladilo. Resta da capire se l’evento sarà a pagamento o offerto gratuitamente.


De Santis sta lavorando a questo appuntamento da diversi mesi. «Stiamo organizzando un concerto per la città – commenta De Santis -, visto che fino a oggi non ci sono stati grandi eventi a causa del Covid e anche per la carenza di artisti, visto che molti hanno annullato i tour. Inoltre, piazza Unità è complicata da gestire, come abbiamo visto anche negli scorsi anni. Quest’anno è stato del tutto esclusa, perché comunque attorno all’eventuale recinzione si potrebbero creare degli assembramenti. Ecco perché abbiamo pensato all’antico scalo, anche in vista di qualcosa di più grande il prossimo anno».

Mille, come detto, sarà il numero di biglietti a disposizione, per un pubblico quindi limitato a causa delle misure anti-Covid. Sempre giovedì prossimo, nell’ambito della conferenza stampa di presentazione, verranno inoltre fornite le informazioni in merito alla misurazione della temperatura e alla gestione d’ingressi e arrivi degli ospiti. «La città si sta riprendendo – aggiunge il sindaco Roberto Dipiazza –: quest’estate ci sono esercizi che hanno fatto gli stessi numeri del 2019. E allora dobbiamo spingere, per questo stiamo creando delle opportunità, affinché la gente si muova, come questo concerto co-finanziato con la Regione. Settembre è stato un mese positivo, bisogna continuare». —


 

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi