Contenuto riservato agli abbonati

Sui fondali dei Topolini sedie, antenne e lattine

Giornata di pulizia in acqua organizzata sul litorale di Barcola dal progetto “aMare Fvg”. Recuperati rifiuti di ogni tipo

TRIESTE Si chiama marine litter. È il fenomeno dei rifiuti che invadono i mari e i loro fondali, ormai a livello globale. Per contrastarlo ieri mattina, davanti ai Topolini di Barcola, un’iniziativa di raccolta subacquea ha unito diverse realtà sotto il cappello del progetto “aMare Fvg”.

L’iniziativa ha permesso di recuperare quasi cinquecento oggetti sommersi, dalle dimensioni più svariate, forse anche trasportati dalle correnti: sono stati rinvenuti antenne di automobili, sdraio, plastica e, in maggiori quantità, pure vetro e ceramica.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Tutto calcolato, tra il superyacht e il ponte ci sono solo 12 centimetri

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi