Contenuto riservato agli abbonati

Il Comune di Duino pronto a gestire il parco dei dinosauri

Il sindaco replica al responsabile del sito del Villaggio che aveva annunciato l’intenzione di interrompere le visite

DUINO AURISINA «Auspico in un ripensamento da parte di Flavio Bacchia, altrimenti gestiremo direttamente il Sito paleontologico o cercheremo qualcun altro che lo faccia per noi».

È molto secca la replica di Daniela Pallotta, sindaco di Duino Aurisina, all’annuncio del factotum del parco dinosauri del Villaggio del Pescatore.


Bacchia nei giorni scorsi aveva reso pubblica la decisione di interrompere l’attività delle visite, spiegando che «non è possibile continuare nel silenzio delle istituzioni».

Nella sua risposta, Pallotta ricorda che «a fine luglio la Regione, su mia richiesta all’assessore regionale, Tiziana Gibelli, ha stanziato un milione e mezzo di euro per l’acquisizione e la valorizzazione dell’area del Sito. Il Comune da parte sua – aggiunge – ha messo in piedi una task force dedicata a seguire il progetto di sviluppo dell’area e lunedì 21 incontrerò, assieme agli assessori Lorenzo Pipan e Massimo Romita, i tecnici competenti della Regione per iniziare a lavorare sull’accordo di programma tra Comune, Regione e Soprintendenza. Definiremo a breve anche la composizione del Comitato scientifico – annuncia il sindaco – che sarà formato da soggetti con diverse competenze, ma anche e soprattutto da persone che hanno operato sul territorio nel corso degli ultimi vent’anni».

L’intervento del sindaco di Duino Aurisina non si ferma qui. «Non è la prima volta che Bacchia mi critica – sottolinea il sindaco – e mi dispiace, perché in questo momento sono considerazioni davvero fuori luogo. So perfettamente quanto Bacchia ha investito in termini di risorse sia economiche sia umane nel sito ma, se non è decollato, non può accusare le istituzioni di inerzia, proprio adesso che è arrivato un importante finanziamento. Il sito del Villaggio del Pescatore – rileva ancora Pallotta – come tutta l’area che lo circonda, è e rimane uno dei punti strategici del rilancio turistico del territorio, non solo comunale ma dell’intera Regione».

«Il nostro progetto al riguardo è complesso e articolato su più situazioni collegate proprio al parco del Villaggio del Pescatore – conclude il sindaco – e di esso abbiamo parlato, illustrandone le caratteristiche, non più tardi dei primi di agosto, fissando l’ultima tappa della visita dei rappresentanti della Regione proprio nell’area gestita dalla Cooperativa Gemina, confermando tutta la volontà di sviluppare congiuntamente le varie progettualità». —


 

Video del giorno

Trieste, manifestazione contro il green pass in piazza della Borsa

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi