Coronavirus in Fvg, primo caso in un asilo: colpito un bimbo a Bertiolo. Sappada, allarme in hotel

Un bambino viene sottoposto alla misurazione della temperatura corporea prima di entrare all’asilo

BERTIOLO Un bimbo contagiato dal virus, i suoi compagni in isolamento, come la maestra. E la sezione della scuola chiusa da ieri. Accade a Bertiolo, poco meno di 2.500 abitanti nel Medio Friuli. «Eravamo e siamo preparati, la situazione è sotto controllo», rassicura il sindaco, Eleonora Viscardis.

Inizio di settembre, primo giorno di asilo, ripartenza attesa e preparata alla scuola dell’infanzia paritaria “Sacro cuore”, gestita dal parroco don Davide Gani. Una sessantina di bambini, dai due anni e mezzo ai sei, trascorrono mezza giornata in classe, a pranzo tutti a casa. Un bimbo nel pomeriggio dà segnali di malessere, ha un po’ di raffreddore.



I genitori, come da protocollo anti-virus, comunicano con la scuola e il giorno dopo il piccolo resta a casa. Per il rientro all’asilo c’è bisogno del certificato del pediatra che però suggerisce di fare un tampone prima di riportare il bimbo all’asilo. Il tempo del Covid richiede prudenza e rigore. Il risultato del test mercoledì sera dà esito positivo. Dal primo attimo scuola e famiglia sono seguiti dall’Azienda sanitaria. Il “Sacro cuore” è organizzato dalla sezione Primavera in su. Il piccolo che ha contratto il virus è stato a contatto, mezza giornata, con una maestra e una ventina di compagni.

Tutti da ieri sono a casa. E l’Azienda sanitaria, come da protocollo, ieri pomeriggio ha eseguito i tamponi ai bimbi della sezione del piccolo contagiato e alla maestra. Gli esiti si avranno nelle prossime ore. La sezione è chiusa e non sarà riaperta prima dei risultati del test.

È tranquilla Viscardis, forte del lavoro fatto dalla scuola. «Mi dispiace molto che si sia verificato questo primo caso, ma eravamo e siamo tutti pronti a una simile evenienza – spiega il sindaco –. Non solo. Continueremo a essere pronti e a sapere come intervenire, anche negli altri plessi che partiranno la prossima settimana. Perché, è bene dirlo senza drammi ma con la sicurezza di chi sa cosa fare, potrà capitare ancora durante l’anno scolastico. Grazie all’organizzazione e al continuo monitoraggio anche dell’Azienda sanitaria sapremo come agire. È per questo che siamo sereni». E per questo l’Azienda sanitaria ha stabilito che oggi gli altri bimbi possono tornare in classe.

Riflettori puntati anche su Sappada, dove sono risultati positivi al tampone alcuni clienti ospitati in un albergo a conduzione familiare. Tutti i clienti presenti nella struttura sono stati sottoposti al tampone, il cui esito è atteso per le prossime ore. —


 

Carciofi crudi, pere e gorgonzola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi