Contenuto riservato agli abbonati

A Bled il Gruppo di Višegrad rilancia la sfida a Bruxelles

Il premier croato Andrej Plenkovic (sin.) e il presidente serbo Aleksandar Vucic

Troppo deboli le visioni del futuro dopo il Covid e la Brexit. Il presidente sloveno accetta il confronto. Pahor: serve inclusività. Vučić getta sul piatto il nodo Kosovo

BLED Un interrogativo che non si poteva eludere quello posto quest’anno al tradizionale Forum Strategico di Bled in Slovenia: quali sfide e quali opportunità per l’Europa dopo la Brexit e il covid? Una domanda diretta e per questo forse troppo difficile da rispondere per i politici di oggi sempre sfuggenti e volonterosi di ripetere solo quello che vogliono si senta.

E così è stato un po’ anche a Bled: concordia, nuovo Illuminismo, transatlantismo, solidarietà, investimenti e rilancio e tanto ottimismo da sembrare visivamente (negli atteggiamenti affettati e scontati) finto.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Stati Uniti: una pioggia di orsacchiotti sul campo da hockey, ma è per beneficenza

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi