Il maltempo si abbatte sull'Isontino: da Gorizia a Grado alberi crollati, danni, strade chiuse, blackout e decine di interventi

I crolli nella zona del belvedere tra Grado e Aquileia (Bonaventura)

Tetti scoperchiati, strade bloccate e una strage di alberi caduti su strade e auto in sosta: è la prima conta dei danni causati dal maltempo arrivato nella mattinata di domenica. Chiusa la zona Belvedere-Boscat tra Grado e Aquileia a causa della caduta di numerosi alberi secolari. Grossi danni anche in Friuli 

GORIZIA Il maltempo e il forte vento hanno flagellato, nella mattinata di domenica 30 agosto, il Friuli e l'Isontino, con danni segnalati a Grado, Gorizia, Ronchi, Fogliano Redipuglia, San Canzian e Monfalcone. Decine gli interventi dei vigili del fuoco per questa allerta "arancione" destinata a continuare per tutta la giornata di oggi. Dalle 8.30 del mattino, ora in cui a Gorizia si è scatenato il forte vento che ha divelto alberi e rami, sono state quasi un centinaio le chiamate dei vigili del fuoco.

Il maltempo fa strage di alberi sulla Grado-Aquileia

Molte zone della provincia sono rimaste senza elettricità a causa degli alberi abbattutisi sui pali della corrente elettrica. Chiusa la strada Belvedere che collega Grado e Aquileia. Non si registrano, fortunatamente, persone ferite.

Maltempo a Grado: un grosso pino crolla sulle auto in sosta

Ecco la situazione nei vari paesi e città dell'Isontino.

GORIZIA  A Gorizia gran lavoro per i vigili del fuoco fin dal mattino per i rami caduti in mezzo alle strade. In corso Italia in particolare, a causa del forte vento un albero si è spezzato finendo contro le auto in sosta. In via 4 Novembre ci sono alberi crollati sui cavi dell'energia elettrica, evento che, pare, avrebbe provocato anche un blackout in zona.

Un grande ramo, spezzandosi, ha piegato il palo della luce nella zona del convento dei cappuccini e al momento un tratto di via Faiti è stato momentaneamente chiuso. Un altro albero è poi caduto nel cortile interno di una scuola.

Maltempo a Gorizia: alberi e rami giù, strade chiuse

GRADO A Grado il maltempo e il forte vento hanno spazzato l’isola, divelto gli arredi dei ristoranti nel centro storico e abbattuto un grande pino finito sulle auto in sosta lungo la diga all’altezza del porto. Si tratta, però, solo di una prima conta dei danni. I vigili del fuoco di Gorizia e Monfalcone sono impegnati su tutto il territorio. C’è anche un albero su una casa a Pineta oltre a via dei Provveditori. 

Il ristorante da Piero ha il terrazzo e la veranda scoperchiati. Nella zona Belvedere-Boscat fra Grado e Aquileia c'è stata una strage di alberi secolari che, oltre a crollare, hanno sradicato l'asflato e lasciato senza energia elettrica abitazioni e attività. La strada è stata chiusa al traffico.

GRADISCA Anche Gradisca non è stata risparmiata dal maltempo che nella mattinata di domenica ha investito l'isontino. Anche qui sono stati numerosi gli alberi sradicati e i rami spezzati dal vento che hanno causato danni e disagi.

Alberi e rami spezzati: a Gradisca la conta dei danni

 FOGLIANO REDIPUGLIA E RONCHI Danni anche in Bisiacaria con un albero finito in mezzo alla strada a Redipuglia, mentre a Soleschiano si registrano anche alcune coperture divelte, oltre ad alberi crollati lungo la bretella. A San Vito sonio caduti svariati alberi e rami. 

L'albero caduto a Fogliano

TURRIACO E SAN CANZIAN I vigili del fuoco stanno lavorando anche a Turriaco per liberare le strade dagli alberi caduti. Alberi abbattuti anche a San Canzian e lungo la strada statale di Pieris. Diverse le zone rimaste senza energia elettrica tra cui via nazario Sauro a Pieris

L'albero caduto a Turriaco

FRIULI: Già nella notte il maltempo ha iniziato a interessare la nostra regione e in particolare la zona del Friuli sono sono stati segnalati allagamenti nei comuni di Udine (zona Baldasseria) e Cividale, la caduta di alberi nei comuni di Buttrio, Tarvisio, Moruzzo, Tarvisio, Tavagnacco, Moggio, Udinese, Majano (con interessamento della rete elettrica), Forgaria, San Quirino, Chiusaforte, Caneva. Numerose le frane e gli smottamenti che hanno causato anche l’isolamento di frazioni e abitazioni nei comuni di Tramonti di Sotto e di Lauco, altre frane hanno interessato la viabilità nei comuni di Pontebba, Bordano, Verzegnis e Vito d’Asio. 

La situazione nella nostra regione (Pagina Fb Riccardi)

LE PREVISIONI Nelle prossime ore, secondo la Protezione civile regionale, ci sarà un'intensificazione del maltempo: nel primo pomeriggio avremo ancora rovesci e temporali, forse anche forti, con piogge anche intense, più probabili sulle zone orientali. Possibili schiarite su quelle occidentali. Venti inizialmente forti da sud in quota, moderati o a tratti sostenuti su pianura e costa, in rotazione a Libeccio.

Nel corso del pomeriggio sarà ancora possibile qualche locale temporale post frontale con piogge in genere moderate o localmente abbondanti. In serata i fenomeni cesseranno ovunque e non si avranno altre piogge significative fino al pomeriggio di lunedìgià in mattinata i temporali tenderanno ad essere più frequenti, alcuni anche di forte intensità e con piogge localmente molto intense specie sui monti ma via via più diffuse.

Arrosto di maiale con funghi e castagne

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi