Alla scoperta di animali nascosti dentro il Castello

l’iniziativa

Passeggiando con attenzione tra le stanze del Castello di Miramare, un tempo dimora della principessa Carlotta del Belgio e dell’arciduca Massimiliano d’Asburgo, si possono notare la raffigurazioni di tanti animali reali e fantastici, opere che spesso passano inosservate. Se si aguzza la vista, infatti, si scorgono le farfalle che decorano il soffitto del salottino cinese o l’orologio da mensola con l’elefante e la scimmietta o, ancora, ci si può imbattere nella sfinge sul molo o nel bizzarro leone buddista.


Sono proprio loro, questi reperti della collezione del Museo Storico di Miramare, i protagonisti di alcune brevi audiostorie della durata massima di tre minuti, realizzate dal Castello. «Le audiostorie nascono all’interno di Mirakids – spiega Marta Nardin, funzionario per la Promozione del “Museo Storico e il Parco del Castello di Miramare” –, una sezione che abbiamo creato durante il lockdown per dare ai più piccoli una serie di opportunità per conoscere il nostro patrimonio anche nel momento di chiusura». Mirakids, che è suddiviso in 4 sottosezioni, raccoglie storie e approfondimenti. «Oltre ad “ascolta”, dove si trovano le audiostorie – continua Nardin – abbiamo ideato “disegna”, in cui chiediamo ai bambini di rappresentare Miramare, per come lo conoscono o come lo immaginano». Mirakids si trova sul sito www.miramare.beniculturali.it. —e.m.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi