Contenuto riservato agli abbonati

Rientri dall'estero, gli hotel triestini perdono ulteriori ospiti

Molti lombardi e piemontesi di ritorno dall’Istria trascorrevano una notte in città. Ora tirano dritti verso casa per fare lì i test

TRIESTE Non solo hotel, camping e residence oltreconfine. L’obbligo dei tamponi imposto al rientro dalla Croazia sta facendo sentire i suoi effetti negativi anche nelle strutture ricettive triestine. A seguito della stretta decisa dal ministero della Salute, infine, si sta verificando una raffica di cancellazioni per le stanze prenotate negli alberghi della città.

«Chi contava di trascorrere uno o due giorni a Trieste prima di raggiungere la Croazia o al ritorno da viaggi in Istria o Dalmazia, ora sta mandando disdetta - avverte il presidente di Federalberghi Guerrino Lanci -.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Stati Uniti: una pioggia di orsacchiotti sul campo da hockey, ma è per beneficenza

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi