Contenuto riservato agli abbonati

Trieste, le Generali tagliano l’affitto ai caffè storici in difficoltà

Boccata d’ossigeno concessa dal colosso assicurativo a San Marco, Specchi  e Tommaseo. «Un aiuto fondamentale per rialzarsi dopo la fase del lockdown»

TRIESTE Un sospiro di sollievo per i caffè storici di Trieste. Assicurazioni Generali taglia l’affitto a San Marco, Tommaseo e Specchi. Uno sconto valido solo per alcuni mesi, ma che per titolari rappresenta comunque una vera e propria boccata d’ossigeno. «Un grande aiuto alla città - commenta Alexandros Delithanassis - abbiamo fatto domanda tempo fa, non pensavamo potesse accadere, invece è stata una sorpresa, un segnale importante in questo momento. Ringrazio Generali, perché in una situazione così particolare è un segnale di vicinanza, un sostegno concreto. Credo abbiano valutato ogni singola situazione - continua il titolare del caffè San Marco - prima di inviare la comunicazione che ci è arrivata nei giorni scorsi. È una dimostrazione che Generali è presente, accanto a realtà che, come la nostra, hanno dovuto chiudere durante il lockdown con le conseguenti pesanti. Un atteggiamento positivo e in controtendenza rispetto a quanto fatto da molti privati, che non sono venuti incontro ai bisogni di titolari di negozi e locali, ora costretti a cercare fori più economici».



Pensiero simile per Claudio Tombacco, titolare del Tommaseo. «Tanti proprietari di immobili non hanno ascoltato le richieste degli affittuari e anch’io ho sentito molte situazioni di crisi. Ringrazio Generali perché in questi mesi anche uno sconto momentaneo è fondamentale, ci permette di risolvere i problemi di cassa presenti attualmente. Consideriamo che qui da noi gli affari sono diminuiti del 50% - spiega - mancano i turisti, ma soprattutto soffriamo il fatto di non poter organizzare eventi, che per le norme anti Covid19 sono impossibili da proporre. Siamo contentissimi per la scelta di Generali e francamente speriamo - sottolinea - che questa “agevolazione” prosegua. Lavoriamo con una grande paura per il futuro, e tante spese, soprattutto per locali come questo, con un passato importante alle spalle. I caffè storici sono un bene da tutelare».



Vanno meglio le cose poco distante, in piazza Unità d’ Italia. «Qui per fortuna ci siamo risollevati e siamo in piena forma - commenta Giuseppe Faggiotto, titolare del caffè degli Specchi -. I clienti non mancano, ma siamo contenti comunque dell’affitto abbassato. È una bella iniziativa».



Lo sconto, che dovrebbe essere diverso a seconda del locale, a quanto riferito dagli stessi gestori, ha tenuto conto probabilmente delle singole situazioni affrontate. I caffè storici che, come sottolineato da Tombacco, rappresentano un patrimonio per la città e anche in questo periodo, con il graduale ritorno dei turisti, sono tappe immancabili per chi sceglie di visitare Trieste. Un’esperienza sempre molto apprezzata come testimoniano i commenti lasciati sul web dai clienti del San Marco.

«Locale bellissimo, personale cortese - si legge - cibo squisito. Ottima la cucina e i dolci proposti dalla pasticcera» e ancora «Un tuffo nel passato, con un buon libro, a colazione». —


 

Video del giorno

Un'auto senza targa in fiamme nei campi a San Floriano del Collio

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi