In Friuli Venezia Giulia la temperatura è aumentata di quasi 2.5° dagli anni 60: le variazioni comune per comune

Lo rivela uno studio realizzato dall’European Data Journalism Network: in Regione la temperatura è cresciuta di più della media nazionale. Udine e Pordenone le province più colpite

Mentre l’ondata di Covid-19 distrae in molti dall’emergenza riscaldamento globale, un nuovo studio testimonia che la colonnina di mercurio si è alzata negli ultimi 50 anni a ritmi impressionanti, anche in Friuli Venezia Giulia. In particolare dal 1960 le temperature sono aumentate in regione di ben 2.4°, con punte ancora più significative nelle province di Udine e Pordenone. 
 
Lo ricerca,realizzata dall’European Data Journalism Network, ha tracciato l’evoluzione della temperature in tutti i comuni italiani mettendo in relazione il decennio compreso tra 1960 e 1969 e quello tra 2009 e 2018. In questo intervallo il termometro nelle province italiane è aumentato di + 2.15° dal 1960, mentre ci sono comuni in cui la temperatura è aumentata addirittura di oltre 4°.In Fvg l’aumento della temperatura è stato quindi leggermente superiore a quello della media nazionale. 
 
Made with Flourish
 
E sono in particolare i comuni del pordenonese e dell’udinese a patire maggiormente il rialzo delle temperature, come ben evidenziato dalla mappa sopra. Una variabile probabilmente dipendente dall’eccessiva cementificazione e dalle dinamiche innescate, come ricordato dal vicepresidente di Legambiente Edoardo Zanchini:  «Si chiama, tecnicamente, effetto ‘isola di calore’ ed è legato essenzialmente a tre fattori. Il primo è l’impermeabilizzazione dei suoli: la cementificazione di strade e palazzi non permette più la traspirazione del suolo. Il secondo è che il cemento assorbe calore. La terza è che in città ci sono auto e soprattutto condizionatori che d’estate buttano aria calda, contribuendo in maniera determinante al surriscaldamento. La somma di questi tre fattori può portare a differenze di temperature anche di 3 o 4 gradi centigradi all’interno della stessa città. È una dinamica che ha anche enormi ripercussioni sociali: se si incrocia il dato climatico con quello socio-economico sulle aree più povere, si ottiene un quadro esatto delle zone dove in estate si riscontrano i tassi di maggiori mortalità, specialmente tra la popolazione anziana. Anche se non se ne parla spesso c’è un aumento della mortalità impressionante legati all’aumento delle ondate di calore». 
 
Made with Flourish
 
Ed è Campoformido, comune udinese di poco più di 7mila abitanti, teatro della storica firma del Trattato di Campoformio a detenere il primato dell’aumento di temperatura: qui la colonnina di mercurio si è alzata dal 1960 di ben 3.57°, una cifra abbastanza vertiginosa in termini climatici. La provincia invece più bollente della Regione è quella di Pordenone: qui in media la temperature sono aumentate di 2.57° contro i 2.29° della provincia di Trieste, refrigerata anche dalle correnti adriatiche. 
 
Made with Flourish
 
Quel che è certo è che non parliamo più di eventi occasionali o di cose destinate a verificarsi in un futuro prossimo; siamo già dentro un processo di cambiamento abbastanza consolidato:  «Aumento delle temperature vuol dire anche più eventi metereologici estremi e cambio del volume e della modalità delle precipitazioni. Si pensi a quante volte si fermano i mezzi pubblici a causa di alluvioni o forti temporali anche in estate» precisa Zanchini.
 
Made with Flourish
 
«C’è poi l’enorme problema della siccità. Fa più caldo, piove meno e quando succede ci troviamo spesso di fronte a fenomeni di intensità più elevata se non a vere e proprie alluvioni: è uno degli effetti più rilevanti del cambiamento climatico che stiamo già pagando. Anche in questo caso prenderne atto e agire è ormai agire nel presente, siamo già dentro un processo di cambiamento consolidato». 
 
 
 
 
 
 

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi