Fedriga firma la nuova ordinanza: mascherina obbligatoria sui mezzi fino al 31 luglio

Autobus a Trieste

La Regione ha stabilito di prorogare per altri 15 giorni le misure attualmente in vigore che regolano offerta e modalità di fruizione dei servizi di Trasporto pubblico locale

TRIESTE La Regione Friuli Venezia Giulia ha stabilito di prorogare per altri quindici giorni e fino al 31 luglio, le misure attualmente in vigore ed emanate con l'ordinanza n. 19 che regolano offerta e modalità di fruizione dei servizi di Trasporto pubblico locale.

È quanto previsto dalla nuova ordinanza di Protezione civile (la numero 21) firmata nel pomeriggio dal governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga. Resta dunque in vigore fino alla fine del mese l'obbligo di utilizzare sistemi di protezione individuale a bordo dei mezzi pubblici e rimane la possibilità di occupare il 100 per cento dei posti a sedere e in piedi a bordo dei mezzi del trasporto pubblico locale urbano ed extraurbano, ferroviario e marittimo, compresi i servizi transfrontalieri, nonché a bordo di mezzi utilizzati per servizi di trasporto non di linea compresi Ncc, taxi e quelli svolti mediante autobus, oltreché negli impianti del trasporto pubblico funiviario (funivie, funicolari e seggiovie).

L'ordinanza di proroga è pubblicata sul sito istituzionale della Protezione Civile e della Regione e ha valore di notifica individuale, a tutti gli effetti di legge.

Da oggi inoltre in Friuli Venezia Giulia si può riprendere la consultazione dei giornali negli uffici
pubblici e privati, negli esercizi e nei circoli e i giochi con le carte sono di nuovo consentiti.

Lo prevedono le linee guida, appena entrate in vigore, per la riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative definite il 9 luglio scorso dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.

 

Video del giorno

Trieste, tra mosaici e boiserie: ecco il nuovo bar illy Ponterosso a Palazzo Berlam

Estratto di mela, sedano, cetriolo e lime

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi