Video nella base Usaf Lo youtuber cormonese indagato dalla procura

Cormons

I carabinieri hanno bussato alla porta di casa in piena notte e hanno avviato una perquisizione che ha portato al sequestro di telefoni, computer e altro materiale elettronico. Il cormonese Alessandro Della Giusta è indagato per aver diffuso immagini che potrebbero aver messo a repentaglio la sicurezza della base di Aviano. A mettere nei guai il 21enne youtuber isontino è stato il video realizzato nell’impianto militare americano alcune settimane fa e pubblicato sulla sua pagina social. La sua avventura da guascone ha spopolato e forse è stata proprio questa sua popolarità che ha spinto la Procura a indagare. Così nel pieno della notte il personale dell’Arma si è presentato a casa del giovane per una perquisizione che ha portato al sequestro di telefoni, computer e altro materiale elettronico.


A tradire Della Giusta è stata la sua “missione impossibile” diventata realtà. Con l’amico Enrico aveva deciso di visitare in 12 ore tutti i fast-food della regione, ma cammin facendo il 21enne si è reso conto che ce n’era uno più difficile da raggiungere degli altri: quello all’interno della Base Usaf. La sfida nella sfida è stata quindi quella di riuscire ad entrare. Ha pubblicato quindi un appello: «Se c’è qualcuno di Aviano, si faccia sentire che andiamo al Subway». Si è fatto avanti un ragazzo che, grazie al padre - un ingegnere informatico in pensione che lavorava in Base - si è reso disponibile a “sponsorizzare” l’ingresso dello youtuber isontino. La visita è stata registrata, montata e pubblicata in rete.

Se inizialmente la Secuity Force non aveva contestato alcunché, tanto che dal comando avevano fatto sapere che «le persone ritratte nel video sono entrate con regolare pass, accompagnate da un dipendente statunitense della Base», la Procura ha chiesto accertamenti, delegati ai carabinieri dell’aeroporto e a quelli del comando provinciale, per sapere se sono state divulgate, attraverso la pubblicazione del video (in parte già rimosso), notizie riservate.

Oltre a Della Giusta nei guai è finito anche il suo “gancio”, a cui è stato ritirato il pass d’accesso alla base aerea per due anni. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Trieste, insegnanti e genitori in piazza contro il Green Pass

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi