Coronavirus, stop ai beach-party a Pago la capitale della movida

La popolare spiaggia di Zrće non avra' in estate i party notturni, i festival elettronici e altri eventi di massa, tutti rigorosamente proibiti da una delibera della unità anti-crisi Protezione civile.

PAGO Viene definita la capitale della movida adriatica, con assembramenti di corpi statuari e abbronzati, che ballano al ritmo di musica elettronica. Quest' anno non sarà' cosi', complice il Covid-19 e relative misure epidemiologiche. La popolare spiaggia di Zrće, nel comune di Novalja (isola di Pago), non avra' in estate i party notturni, i festival elettronici e altri eventi di massa, tutti rigorosamente proibiti da una delibera della unità anti-crisi Protezione civile.

Nella nota diffusa dalla task force, si rileva che in accordo con i proprietari di night-club, bar e discoteche è' stato deciso di non organizzare quest' anno il festival di musica elettronica e altri appuntamenti che possano attirare migliaia di persone. I locali potranno lavorare, ma il comune isolano non concederà l' autorizzazione allo svolgimento di eventi di massa a Zrće. La stessa disposizione viene estesa anche alle imbarcazioni dove in passato si tenevano party. Tutto proibito dunque e le stesse misure saranno applicate anche nella vicina località di Colane (Kolan), sede di diversi ritrovi notturni.



A spiegare i perchè della serrata e' stato il sindaco di Novalja, l' indipendente Ante Dabo: «Noi non abbiamo proibito il lavoro ai locali, ma solo obbligato i titolari a rispettare il distanziamento sociale negli esercizi. Ciò implica il divieto a promuovere appuntamenti caratterizzati dalla presenza di numerose persone. La situazione legata al virus in Croazia non e’ per nulla facile, specie in alcune aree, come nemmeno in diversi Paesi da cui arriva la nostra clientela a Zrće. Ora il quadro è purtroppo diverso.



Il ministro croato dell’ Interno, Davor Božinovic ha riferito che nei giorni scorsi è stato controllato il lavoro di 245 ritrovi notturni in Croazia, 68 dei quali hanno violato i provvedimenti antipandemici relativi a distanziamento sociale. I locali recidivi rischiano la chiusura. —


 

Zuppa fredda di barbabietola, arancia e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi