Contenuto riservato agli abbonati

Anche Piero Pelù alla pulizia del litorale di Staranzano promossa con Legambiente

Il rocker ha partecipato oggi alla terza tappa del Clean beach tour insieme a un'altra cinquantina di volontari: "Da piccolo raccoglievo i rifiuti insieme ai miei genitori: invito tutti a fare lo stesso con i propri figli"

Piero Pelù con Legambiente a Staranzano: la missione è pulire il litorale

«Tutelare il mare e la biodiversità unendo musica e ambiente»: con questo obiettivo ha fatto tappa anche in Friuli Venezia Giulia, a Staranzano (Gorizia), il Clean beach tour. Tra i volontari impegnati oggi a ripulire il litorale dai rifiuti anche il rocker Piero Pelù, che ha promosso il tour con Legambiente.

Durante la pulizia, con l'ausilio di una cinquantina di volontari, sono stati riempiti 40 sacchi di rifiuti tra bottiglie, buste di plastica, taniche, contenitori, insieme a dieci boe, diverse retine per la mitilicoltura, cassette e diversi frammenti di polistirolo, uno pneumatico e tre new jersey in plastica. Tutto ciò - osserva Legambiente - dimostra «ancora una volta come la plastica e il marine litter rappresentano la seconda un'emergenza planetaria, dopo quella climatica, che deve essere affrontata al più presto». «L'attività di pulizia che abbiamo fatto oggi - racconta Pelù - io la facevo da bambino con i miei genitori: invito tutti a fare lo stesso con i propri figli per trasmettere questo grande amore e rispetto per l'ambiente. È una pratica che tutti possono fare, è anche divertente e dà tanta soddisfazioni. Proteggiamoci con guanti e mascherine, usiamo un bel sacchetto e sottraiamo veleni all'ambiente pensando ai nostri figli e nipoti». «

Con questa terza tappa del Clean beach tour - afferma il presidente di Legambiente Stefano Ciafani - vogliamo riaccendere i riflettori sul tema del marine litter, in questa estate così particolare e difficile dove l'abuso di prodotti usa e getta rischia di essere altissimo insieme all'abbandono, sempre più diffuso, di guanti e mascherine usa e getta dalle strade delle nostre città alle spiagge fino al mare. Chiediamo inoltre che venga approvato al più presto il disegno di legge sul fishing for litter, bloccato da mesi al Senato, per permettere ai pescatori di fare gli spazzini del mare. Inoltre chiediamo che l'Italia anticipi la scadenza del 2021 per recepire la direttiva europea sulla plastica monouso per contrastare l'usa e getta».

Video del giorno

Pedofilia, arrestato 52enne di Gorizia: il video della polizia

Estratto di mela, sedano, cetriolo e lime

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi