Permessi scaduti a Sistiana, stop al cantiere in zona 7 Nani

Il cantiere bloccato dai vigili vicino al piazzale dei 7 Nani

La ditta che sta costruendo case private e marciapiedi pubblici pizzicata con i “nulla osta” non rinnovati: multa di 700 euro

DUINO AURISINA L’immediato blocco dell’attività e pure 700 euro di multa. Queste le sanzioni comminate dalla Polizia locale di Duino Aurisina alla Toro costruzioni, la srl che, da qualche mese, ha avviato, a poche decine di metri dal piazzale dei 7 Nani, a ridosso della ex statale “14”, un cantiere per la realizzazione di una dozzina di unità immobiliari.

Nel corso di un sopralluogo, gli agenti hanno infatti riscontrato – come ha poi confermato l’assessore comunale a Vigilanza e Sicurezza Valentina Banco – che il permesso a costruire è scaduto lo scorso 31 maggio. L’impresa invece ha continuato a operare anche nel corso del mese di giugno: inevitabile quindi la doppia sanzione.


«Controlli di questa natura – ha spiegato Banco – fanno parte del normale servizio dei nostri agenti. In questo frangente poi – ha aggiunto l’assessore – sono particolarmente soddisfatta del loro operato, perché il cantiere insiste su una strada di grande passaggio, perciò bisogna che tutte le regole siano rispettate». E conseguenze, oltre che per l’impresa costruttrice, ci saranno anche per la comunità di Sistiana, seppur di altra natura, in quanto l’amministrazione aveva colto l’occasione della realizzazione delle unità immobiliari per far costruire alla Toro srl, come oneri di urbanizzazione, un nuovo marciapiede sul lato a monte della strada “14”, che adesso ne è privo, e per ampliare quello che esiste sul lato opposto, per renderlo agibile anche ai portatori di handicap e trasformarlo in una sorta di piccolo belvedere con vista sul golfo. È evidente che tale blocco dell’attività comporterà un rallentamento nella realizzazione di un’opera giudicata molto utile per i cittadini. «Il nuovo marciapiede – aveva spiegato infatti a inizio cantiere l’assessore alla Viabilità Massimo Romita – è un’opera attesa da tempo, alla quale si abbinerà l’intervento destinato al miglioramento del passaggio pedonale a valle, il tutto senza costi per le casse dell’amministrazione comunale, fattore questo non trascurabile».

Ma non basta. Sul cantiere si erano incentrate le proteste dei residenti per la mancanza di un’adeguata segnaletica luminosa notturna. «Anche questo è un problema che deve essere subito risolto – ha detto a questo proposito Banco – per un’evidente necessità di sicurezza per tutti». Non è escluso infine che, quando il cantiere riaprirà, si decida, in determinato orari, di predisporre un sistema di circolazione a senso unico alternato.—


 

Zuppa fredda di barbabietola, arancia e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi