Due moto d’acqua della Polizia a vigilare sulla costa duinese

Il questore Petronzi: «Gli agenti avranno il compito specifico di far rispettare  le misure anti-Covid». Pallotta: «Controlli severi anche sulle spiagge libere»

DUINO AURISINA Da oggi il mare e le coste di Duino Aurisina sono più sicuri. Il litorale che va dal Villaggio del Pescatore ai Filtri di Aurisina sarà infatti quotidianamente percorso da due veloci moto d’acqua, pilotate a turno dai quattro agenti della Polizia di Stato specializzati in questa mansione. L’annuncio della partenza del servizio è stato dato ieri dal questore Giuseppe Petronzi e dal sindaco di Duino Aurisina, Daniela Pallotta.



«A causa dell’emergenza sanitaria, che ci ha visto per mesi impegnati su altri fronti – ha detto Petronzi – non era affatto scontato quest’anno che le moto d’acqua potessero essere utilizzate per questo scopo, invece ce l’abbiamo fatta. Fino a settembre – ha aggiunto – i nostri agenti controlleranno il mare e la costa, con lo specifico compito di far rispettare le regole fissate per combattere il Covid-19».



«La collaborazione fra istituzioni è fondamentale – ha ribadito Pallotta – soprattutto adesso che siamo nella fase di riapertura, dopo i grandi problemi causati dal coronavirus, e l’attenzione sul rispetto delle regole è decisiva per la salute di tutti. Questo servizio – ha aggiunto – garantirà la sicurezza lungo il litorale, anche in quei punti che non sono facilmente raggiungibili da terra. Sulle spiagge libere – ha sottolineato – i controlli poi devono essere severi tanto quanto quelli fatti negli stabilimenti, perciò quest’iniziativa è preziosa. Vedremo come si comporteranno i cittadini – ha concluso – e rimoduleremo il servizio a seconda delle esigenze».



L’assessore comunale Massimo Romita ha osservato che «l’estate 2020 sarà diversa dalle altre, perciò i controlli dovranno essere speciali. A fianco della Polizia – ha concluso – avremo anche i vigilantes privati». Su questo punto, Petronzi è stato chiaro: «L’intesa già buona con le altre forze dell’ordine – ha detto – sarà assicurata anche con loro. Li invitiamo a segnalarci le situazioni nelle quali il nostro intervento può essere utile. Ricordo – ha proseguito – che garantiamo, lungo le spiagge, anche la presenza dei poliziotti in bicicletta. In questo territorio però – ha osservato infine – ho il piacere di confermare che l’auto disciplina è molto alta, prova ne sia che su 50 mila controlli svolti in ambito Covid-19, le sanzioni si sono limitate al 5 per cento dei casi». —


 

Zuppa fredda di barbabietola, arancia e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi