Rubano uno scooter a Trieste: denunciati due minorenni

A fermare i due giovani sloveni, nonostante il tentativo di fuga di uno dei due, è stata la Polizia locale. 

TRIESTE Due giovani sloveni, minorenni, sono stati denunciati dalla Polizia locale di Trieste per il furto di uno scooter. Una pattuglia del Nucleo Operativo Territoriale, durante un controllo lungo via Carducci, ha fermato e sottoposto a verifica un ciclomotore Piaggio Zip con targa slovena. I vigili sono stati attirati dal fatto che, pochi giorni prima, lo stesso scooter era stato controllato nella medesima zona e il conducente, in quella circostanza, aveva dichiarato di essersi perso.

Non appena i vigili hanno fermato il veicolo, un secondo scooter, sempre Piaggio Zip ma 125 di cilindrata, con targa italiana, che anticipava leggermente il primo, si è dato precipitosamente alla fuga inseguito immediatamente da una seconda pattuglia accorsa.

Il conducente del secondo scooter, dopo alcune centinaia di metri, ha abbandonato il mezzo con il motore acceso in via della Zonta e ha tentato la fuga a piedi. I vigili lo hanno comunque riconosciuto e fermato poco distante.

I due veicoli erano condotti da due cittadini sloveni, entrambi minorenni, che sono stati accompagnati presso gli uffici del Nucleo di Polizia Giudiziaria in caserma San Sebastiano per gli accertamenti di rito.

I due sono stati trovati i possesso di attrezzi atti allo scasso, in particolare di una chiave a tubo modificata, con al suo interno ancora il blocchetto di accensione forzato dello scooter poco prima abbandonato.

Il proprietario dello scooter, prontamente avvisato del furto, ha sporto querela nei confronti degli autori del gesto. I due giovani, privi di precedenti in Italia, sono stati denunciati a piede libero per furto in concorso e riaffidati ai genitori, nel frattempo convocati in caserma, come previsto dalla normativa vigente.

Video del giorno

Pedofilia, arrestato 52enne di Gorizia: il video della polizia

Estratto di mela, sedano, cetriolo e lime

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi