Trieste, dopo il parco il 2 giugno riapre anche il Castello di Miramare

In questa fase sperimentale si potrà accedere al museo dalle 14 alle 19. 

TRIESTE Riapre al pubblico domani, 2 giugno, il Castello di Miramare a Trieste. La fine del lockdown coincide con la stessa data in cui 65 anni fa le sale del Museo erano state aperte per la prima volta alle visite. In questa fase sperimentale si potrà accedere al museo dalle 14 alle 19.

Tra le altre riaperture previste per lo stesso giorno in Fvg, ci sono anche le collezioni dei musei nazionali di Aquileia (Museo Archeologico Nazionale e Museo Paleocristiano) e Cividale.

A Miramare - spiega una nota - ci sarà una sola postazione per la biglietteria protetta da una barriera in plexiglas; per evitare code e limitare assembramenti, è consigliata la prenotazione online. Sono stati installati pannelli informativi con le prescrizioni sull'utilizzo delle mascherine e le norme di comportamento e distributori di gel disinfettante.

«Si tratta di una fase temporanea - spiega il direttore del Museo storico e il Parco del Castello di Miramare, Andreina Contessa -: ci auguriamo abbia una durata limitata per tornare ai regimi precedenti la chiusura prima possibile». Da domani gli ospiti potranno visitare anche la mostra «La scienza della visione. Fotografia e strumenti ottici all'epoca di Massimiliano d'Asburgo», che esporrà il megaletoscopio dell'arciduca Massimiliano d'Asburgo, visore per stampe fotografiche che permette di osservarle con particolari effetti luce.

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi